Un convegno a conclusione del progetto 'Prove di volo' per l'autonomia dei disabili

disabili 2' di lettura 01/07/2010 -

Venerdì 2 luglio 2010, alle ore 18, l’Hotel Vittoria di Pesaro, Piazzale della Libertà, 2, ospita il convegno conclusivo del progetto ‘Prove di volo’, finanziato dal Centro Servizi per il volontariato per costruire un sistema di servizi di sostegno alla persona disabile verso il ‘Dopo di noi’.



Prenderanno parte alla tavola rotonda: Giuliano Tacchi, Coordinatore dell’Ats 1 Pesaro; Corrado Cardelli, responsabile Unità organizzativa assistenza e integrazione del Comune di Pesaro; Alessandrina Cecchini, presidente associazione “Insieme Onlus”; Francesca Matacena, presidente Csv- Avm provinciale; Simone Bucchi, coordinatore del progetto “Prove di volo”; Vittorio Ondedei, Responsabile area disabilità Cooperativa Labirinto. Simone Bucchi – coordinatore del progetto ‘Prove di volo’, spiega il senso del progetto: “A Pesaro abbiamo un sistema strutturato per la residenzialità dei disabili e quindi la nostra sfida è andare oltre. Ecco perché pensiamo ad una residenzialità diversa, ‘durante noi’, cercando di sostenere la famiglia e alleggerirla dal carico, a mo’ di prevenzione del ‘dopo di noi’. Quasi delle sperimentazioni di nuove residenzialità più leggere e meno gravose per il sistema”.

L’associazione ‘Insieme’ è’ l’anima del progetto. Ne parla la presidente Alessandrina Cecchini. “Sono genitore di un disabile e nei nostri incontri mensili (la nostra associazione esiste da 12 anni), abbiamo raccolto i bisogni immediati e del dopo. Il nostro compito è stato quello di emergere paure ed esigenze che i genitori hanno dentro. Abbiamo deciso di essere propositivi, non più lamentosi o protestatari. Il progetto ‘Prove di volo’ è diventato qualcosa di importante e di nuovo. E’ stata una sfida nel senso che siamo stati parte attiva del progetto stesso. Per costruire un futuro dignitoso per i nostri figli, i genitori da soli non sono sufficienti. Abbiamo bisogno delle istituzioni. Non si può tornare indietro, bisogna andare avanti. E tutto questo ha bisogno di una società civile attenta e sensibile, per la crescita di tutti”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-07-2010 alle 17:57 sul giornale del 02 luglio 2010 - 1056 letture

In questo articolo si parla di disabili, attualità, pesaro, Csv Pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/KV





logoEV