Il giuramento di dieci nuovi cittadini: fedeltà alla Repubblica

luca ceriscioli| 1' di lettura 01/07/2010 -

Ogni anno uomini e donne provenienti da molti paesi del mondo, terminano il lungo iter per l’acquisizione della cittadinanza e giurano fedeltà alla Repubblica, negli uffici del Comune, con una pratica spesso sbrigativa e burocratica.



Il Comune di Pesaro, accogliendo una proposta avanzata da Legautonomie Marche, ha deciso di celebrare con più ufficialità e in forma pubblica l’importante passaggio nella vita cittadina degli stranieri residenti legalmente in Italia coinvolgendo la comunità che li accoglie.

Per questo motivo sabato 3 luglio, alle 11, nella sala Rossa del Consiglio comunale, il sindaco Luca Ceriscioli (affiancato dall’assessore ai Servizi demografici Andrea Biancani) chiederà a dieci nuovi cittadini (originari di Cina, Perù, Marocco, Albania e Polonia) di rinnovare il giuramento alla Repubblica e l’osservanza della Costituzione e delle leggi dello Stato.

La cerimonia prevede dapprima un breve discorso di benvenuto del sindaco a cui segue il giuramento e la successiva consegna di una copia della Costituzione. Interverrà anche il prefetto vicario di Pesaro Urbino Paolo De Biagi.

Nei primi sei mesi del 2010 sono circa 50 i nuovi cittadini italiani residenti nel territorio comunale di Pesaro. La maggioranza proviene dall’Albania, seguono Africa del nord e Perù. Cinque i cittadini provenienti dal continente asiatico.

L’amministrazione, facendo sua la proposta di Legautonomie, ha deciso inoltre che la cerimonia di giuramento d’ora in poi si svolgerà con cadenza bimestrale e ha già fissato per il 4 settembre il prossimo appuntamento.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-07-2010 alle 18:28 sul giornale del 02 luglio 2010 - 1087 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Comune di Pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Le