Consiglio direttivo Fiepet, le priorità per il settore

soldi 2' di lettura 24/06/2010 -

Dalla crisi economica al tema, scottante, dell’abusivismo: sono soltanto alcuni degli argomenti presi in esame dal consiglio direttivo della Fiepet, il sindacato dei pubblici esercizi aderente a Confesercenti, che si è riunito nei giorni scorsi a Pesaro.



“Il lungo periodo di recessione che sta interessando anche il nostro territorio provinciale –spiega il direttore provinciale Fiepet Domenico Passeri- rischia di mettere in difficoltà, a causa del perdurante calo dei consumi, molte imprese del settore. La situazione richiederebbe un forte intervento di sostegno articolato in una serie di diverse manovre. Tra queste, gli operatori associati a Fiepet hanno individuato come necessari campi di lavoro per il prossimo futuro la semplificazione amministrativa e fiscale, il sostegno agli investimenti ed alla innovazione, le risorse per la formazione degli imprenditori e dei loro collaboratori, le agevolazioni per l’accesso al credito, la flessibilità contrattuale e l’aggiornamento della disciplina dell’appprendistato”.

Gran parte del dibattito si è poi concentrata sul tema, sempre più sentito dagli operatori, della lotta all’abusivismo, ed alla concorrenza sleale ed illegale che ne è la diretta conseguenza: “A riguardo –aggiungono la presidente provinciale Fiepet Loredana Ceccolini e il presidente onorario del sindacato Giuseppe Cofano- non mancano esempi di tutta evidenza: da qualche circolo privato che in violazione delle più elementari norme sul commercio ospita e serve clienti non soci, a qualche caso di agriturismo che, perduto ogni legame con l’originaria azienda agricola, si comporta come un vero e proprio ristorante, per finire con qualcuno che si improvvisa per servizi di catering a prezzi “stracciati” da offrire a feste private e pubbliche. Si tratta di comportamenti, come si è più volte sostenuto, che violano precise norme di legge e che comportano evasione contributiva e fiscale”.

Sull’argomento, Fiepet vuole richiamare l’attenzione degli organi pubblici preposti alla vigilanza: “Il direttivo ha deciso di chiedere un incontro con il Prefetto Giuffrida –aggiungono Ceccolini e Cofano- in altre occasioni dimostratosi sempre molto sensibile alla tematica, per esporre le situazioni di grave disagio che la categoria deve sopportare a causa di tali fenomeni e per chiedere forti interventi di prevenzione e repressione delle condotte illegali. L’associazione chiederà, inoltre, al Prefetto di farsi interprete delle richieste di legalità anche verso le amministrazioni locali che debbono controllare il profilo della regolarità amministrativa ed igienico sanitaria del settore”. Sarà cura della direzione provinciale dell’organizzazione informare poi la categoria sugli esiti dell’incontro.


   

da Confesercenti Pesaro




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-06-2010 alle 16:52 sul giornale del 25 giugno 2010 - 793 letture

In questo articolo si parla di attualità, soldi, euro, Confesercenti Pesaro, contributi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/vG





logoEV
logoEV


.