Omicidio in via Giolitti, emergono i dettagli

1' di lettura 08/06/2010 -

L'arma del delitto, le dichiarazione del presunto assassino, il prima e il dopo dell'aggressione. A distanza di giorni dall'omicidio di Guido Volterri, emergono tutti i dettagli.



Innanzitutto l'arma del delitto. Si tratterebbe di un coltello militare, uno alla "Rambo" che Giovanni Broccoli, accusato dell'omicidio, avrebbe rubato proprio alla sua ex amante, Raffaella Rossini.

Il movente era chiaro fin da subito, il delitto passionale, ma è stato lo stesso Broccoli a ribadirlo. Sentito dai Pm ha chiaramente sottolineato di essere ancora innamorato della sua ex talmente tanto da essere arrivato ad uccidere un uomo.

Emergono dettagli anche sugli attimi dopo l'aggressione. Secondo il racconto fornito agli investigatori, Broccoli se nesarebbe tornato a casa in bicicletta. Avrebbe gettato in un campo il coltello e le scarpe insanguinate. Si sarebbe fatto una doccia e poi pronto per andare a trovare gli amici al bar. Come se nulla fosse.

Ed infine gli amanti. Raffaella Rossini, la donna contessa, era l'oggetto del desiderio di diversi uomini. Dell'ex marito, che ancora la tormentava, del primo amante, Giovanni Broccoli, e naturalmente dell'ultima fiamma, Guido Volterri, la vittima.






Questo è un articolo pubblicato il 08-06-2010 alle 19:38 sul giornale del 09 giugno 2010 - 2051 letture

In questo articolo si parla di attualità, riccardo silvi, arresto, Guido Volterri, giovanni broccoli, raffaella rossini