Volley: la Scavolini batte nuovamente Perugia e si qualifica per le Final Four

scavolini volley 3' di lettura 04/02/2010 - La Scavolini vince lo spauracchio del Golden Set e strappa il biglietto per le Final Four di Rimini; dopo due ore e venti di partita la Scavolini ha la meglio su Perugia.

Chi pensava che dopo due vittorie sulle umbre il terzo scontro sarebbe stato più agevole per Pesaro, si sbagliava di grosso. Perugia ha giocato il tutto per tutto dimostrando di saper tenere testa alle bicampionesse d’Italia. Il match infatti si è giocato nel più assoluto equilibrio e la battaglia è giunta fino al Golden Set. I tifosi di Pesaro a quella parola hanno sussultato in ricordo del nefasto 6 game contro Bergamo che aveva compromesso la Champion League per le Colibrì lo scorso anno. Molte le contestazioni da entrambe le formazioni per le decisioni dell’arbitro Pozzato. In particole, molto recriminata da Perugia è stata la palla che ha deciso il match a favore delle Colibrì: una palla che ha colpito il piede di Quaranta e che ha portato Pesaro al match point.


Come ormai di norma nelle ultime uscite, Pesaro parte a rilento: tante imprecisioni e molta confusione in campo. “Iniziare male e soffrire all’inizio è diventata ormai una nostra abitudine, ma la voglia di vincere e combattere c’è davvero. Qualche volta anche noi abbiamo il diritto di sbagliare” – ha commentato Vercesi a fine gara. Perugia approfitta degli errori delle Colibrì e vola via fino al 9 a 16 prima di subire la rimonta delle bianco rosse firmato Guiggi e Costagrande. Pesaro arriva fino al 22-23 ma si deve arrendere agli attacchi di Quaranta, la migliore della squadra umbra.


Nel secondo set la Scavolini ritrova il suo gioco, e riporta la partita in equilibrio con un eloquente 25 a 19. Nel terzo parziale, Perugia parte nuovamente forte, ma Pesaro sembra aver ritrovato ormai i suoi equilibri e si porta sul 23 a 21. Poi un pericoloso black out: Guiggi spedisce la palla in rete, seguita a ruota da Usic: 23 a 25 e un set regalato a Perugia. Le Colibrì partono a razzo nel quarto parziale: non è più possibile sbagliare. Perdere questo set significherebbe dire addio alle Final Four. Con Usic sugli scudi, Pesaro allunga immediatamente su Perugia e si aggiudica in volata il parziale (25 a 16). Il tie-break vede ancora Pesaro in avanti anche di quattro lunghezze. Ma nuovamente un black out riporta in corsa le avversarie, che con 7 punti consecutivi lasciano di stucco le Colibrì e si aggiudicano il quinto set per 11 a 15.


Al Pala Campanara si respira un’aria di tensione. I ricordi del Golden Set contro Bergamo non sono stati ancora dimenticati. Il sesto e decisivo set è inizialmente una pericolosa fotocopia del tie break: Pesaro avanti che sciupa tutto riportando Perugia in gioco. La Misura ha la palla del match point sul 13 a 14, ma Costagrande si prende la sua squadra sulle spalle e con tre pipe di fila regala una sofferta vittoria alla Scavolini.


Sono state tre gare di alto livello” – ha detto Vercesi – “anche Perugia si meritava di giocare le Final Four. Questa vittoria è arrivata grazie al nostro gioco di squadra e alla testa”. Dunque Pesaro si qualifica per le Final Four e a Rimini se la dovrà vedere contro Bergamo, Jesi e Villa Cortese: uno scontro tra veri titani.


SCAVOLINI-MISURA 3-3

SCAVOLINI PESARO: S.Usic 19, Marinkovic 5, Skowronska 18, Costagrande 29, Guiggi 20, Ferretti 1; Wijnhoven (L), Boscoscuro, Garzaro 6, Saccomani. N.e. Mari., M.Usic. All. Vercesi.

DESPAR PERUGIA: Vasileva 18, Dushkyevich 25, Pincerato 1, Quaranta 16, Leggeri 8, Zetova 19; Arcangeli (L), Angeloni 4, Weiss, Lehtonen 1. N.e. Casillo, Medaglioni. All. Sbano. ARBITRI Pozzato e Puecher.. NOTE Parziali 23-25 (28\'), 25-19 (25\'), 23-25 (28\'), 25-16 (23\'), 11-15 (18’), 16-14 (19’).






Questo è un articolo pubblicato il 04-02-2010 alle 09:07 sul giornale del 05 febbraio 2010 - 1253 letture

In questo articolo si parla di sport, isabella agostinelli, volley, scavolini volley