Traffico di reperti archeologici, due denunce

guardia di finanza 1' di lettura 19/12/2009 -

Le fiamme gialle hanno scoperto un traffico di reperti archeologici.



La Guardia di Finanza di Ancona ha scoperto un traffico di reperti archeologici. I militari hanno denunciato due persone residenti nel pesarese.


Durante alcuni controlli di routine le fiamme gialle hanno fermato un furgone a bordo del quale hanno trovato una teca contenente una spada di bronzo risalente al VII secolo a.C., un rasoio lunato, uno spillone da mantello, un puntale, borchie, fibule e altri frammenti di accessori anch\'essi in bronzo tutti riferibili alla civiltà picena. I reperti probabilmente erano parte del corredo funebre di un guerriero depredato da tombaroli.


Una prima perizia ha confermato l\'autenticità dei reperti.






Questo è un articolo pubblicato il 19-12-2009 alle 19:13 sul giornale del 21 dicembre 2009 - 1286 letture

In questo articolo si parla di cronaca, ancona, pesaro, guardia di finanza


logoEV
logoEV


.