Provincia: \'No alla fusione dei consorzi di bonifica delle Marche\'

consiglio provincia di pesaro 1' di lettura 17/12/2009 - No alla fusione dei consorzi di bonifica delle Marche in un unico soggetto regionale. E’ questa la posizione del consiglio provinciale, che ha approvato nell’ultima seduta, all’unanimità, l’ordine del giorno presentato da Donato Mariotti e Daniele Sanchioni.

Il documento auspica, di contro, la definizione di due comprensori, legati ai territori, \"a cui dovranno sottendere due consorzi, in coerenza con l’impianto legislativo del 2006\". Che suddivide le Marche in due distretti idrografici (Appennino centrale e Appennino settentrionale).


\"Le Province – si legge nel testo -, come espressione delle realtà locali, sono in grado di rappresentare più efficientemente gli interessi dei consorziati e degli agricoltori\". Sulla fusione si è registrato, nei giorni scorsi, anche il parere negativo del Cal (Consiglio autonomie locali) e del consiglio d’amministrazione del Consorzio di bonifica di Pesaro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-12-2009 alle 11:32 sul giornale del 18 dicembre 2009 - 958 letture

In questo articolo si parla di politica, pesaro, provincia di pesaro urbino, valmarecchia, Provincia di Pesaro ed Urbino





logoEV