Soddisfazione di Seri per l’accoglimento del COI come osservatore Onu

seri 1' di lettura 03/12/2009 - L’accoglimento in sede Onu del Comitato Olimpico internazionale (Cio), in qualità di osservatore permanente, è un avvenimento storico, che acquista un grande significato per tutto il mondo dello sport”.

E’ quanto evidenziato dall’assessore provinciale alle Attività sportive Massimo Seri, in una lettera inviata al presidente provinciale del Coni, ai presidenti delle federazioni provinciali e a quelli dei Panathlon di Pesaro e Fano, “per condividere con quanti sono impegnati nell’associazionismo sportivo, la soddisfazione per questo traguardo di grande civiltà che dà a tutti noi e ai nostri massimi rappresentanti gioia, riconoscimento, fiducia e slancio”.

Il fatto che il presidente del Comitato, Jacques Rogge, abbia nominato per il prestigioso incarico un nostro connazionale, l’onorevole Mario Pescante, primo italiano alla vice presidenza del Comitato Olimpico internazionale, “costituisce una soddisfazione ancor maggiore, considerato anche il fatto che è stato il nostro Paese a chiedere all’Onu ciò che ora è diventato realtà”.

Nella lettera, inviata per conoscenza agli assessori allo Sport del territorio provinciale, Seri afferma che “l’ingresso nel Palazzo di Vetro, oltre ad onorare quell’assemblea, sancisce l’accezione culturale della pratica ed organizzazione sportiva nel mondo globale, come fattore di civiltà, di pace ed affratellamento tra i popoli, senza distinzioni di sorta. Del resto - prosegue - mentre l’Onu ha 192 paesi aderenti, il Comitato Olimpico internazionale ne ha 205 e questo dà il senso della sua altissima valenza, capace di spezzare barriere e di precedere e superare la stessa politica. Dove non arriva l’Onu, arriva contagioso lo spirito pacifico della pratica sportiva”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-12-2009 alle 14:12 sul giornale del 04 dicembre 2009 - 1194 letture

In questo articolo si parla di pesaro, Provincia di Pesaro ed Urbino, massimo seri





logoEV