Valmarecchia: Spacca sul ricorso alla Corte costituzionale

gian mario spacca 1' di lettura 09/09/2009 - “Se il ricorso è così strampalato perché ci si agita tanto? Il fatto che ci si agiti è forse l’indicazione che le motivazioni hanno colpito nel segno.

Perché sorprendersi visto che il coordinatore provinciale del PDL della provincia di Pesaro e Urbino, territorio maggiormente interessato, è pubblicamente uscito con la richiesta di ricorrere alla Corte Costituzionale?

Se i “buoi sono scappati dalla stalla” è perché qualcuno ha aperto loro la porta con una legge votata pressoché all’unanimità. E’ grave che il legislatore non abbia adeguatamente valutato e tenuto in considerazione il voto contrario in precedenza espresso dal Consiglio regionale delle Marche e abbia consentito l’approvazione di una normativa caotica e contraddittoria, che sta determinando una gestione molto difficile della transizione.

Si parla tanto di federalismo e di leale collaborazione tra poteri della Repubblica: dove sono in questa vicenda?”

da Gian Mario Spacca
presidente Regione Marche




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-09-2009 alle 19:19 sul giornale del 09 settembre 2009 - 1570 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, gian mario spacca, valmarecchia, corte costituzionale