Genio e \'Regolatezza, mostra dedicata a Pietro Annigoni

pesaro 3' di lettura 02/09/2009 - Genio e “Regolatezza” è il titolo della mostra di opere varie, dal 1927 al 1985, di Pietro Annigoni, curata da Gilberto Grilli e inaugurata lunedì 31 agosto, alle ore 18, con un grande successo di pubblico.

La mostra si protrarrà fino all’11 settembre 2009 nella location della Chiesa della Maddalena, Via Zacconi - Pesaro (PU), e sarà possibile accedervi per visitarla ogni giorno dalle ore 17,00 alle ore 23,00. L’evento è stato dedicato da Gilberto Grilli a Gabriele Mazzanti, l’organizzazione è stata a cura di Gabriele Bonazza e il coordinamento di Maurizio Nardini. Il curatore ha ringraziato per la collaborazione il Comune di Pesaro, Assessorato alla Cultura, i Musei Civici di Pesaro, Fiam, e Veronica Hit Radio. Ringraziamenti sono andati anche a Benedetto Annigoni e Maria Ricciarda Annigoni.



Era presente all’evento l’Assessore alla Cultura del Comune di Pesaro Gloriana Gambini, che si è detta felice per l’opportunità di poter ammirare da vicino le opere di un grande artista che nella sua epoca è andato controcorrente. “L’arte se non è provocazione non è arte – ha affermato Gloriana Gambini – e Annigoni, nonostante l’ostilità dei suoi contemporanei, ha seguito un suo percorso pur rimanendo nelle regole”. “Questa mostra è importante – ha proseguito l’Assessore – in quanto promuove la cultura.



L’arte, infatti, deve trovare un posto di primo piano, grazie a una politica di rigore assoluto e a un numero di iniziative importanti, in una città come Pesaro, dove i privati sono desiderosi di aiutarla e le istituzioni cercano di promuoverla con coinvolgenti eventi durante tutto l’anno”. Ha preso poi la parola Gilberto Grilli, che ha esposto a grandi linee la biografia di Pietro Annigoni e le tecniche da lui usate e ha spiegato il significato delle opere esposte. \"C\'era una volta un grande pittore, capace, secondo Berenson e De Chirico, di stare alla pari con i tre più grandi del Rinascimento - ha detto Gilberto Grilli - questo genio, però, è stato nostro contemporaneo. Così vicino a noi che non siamo riusciti a vederlo.



Di lui scopriamo solo l\'aspetto tecnico, la mostruosa abilità esecutiva, presi come siamo a giustificare la follia e l\'arroganza dell\'arte astratta e concettuale, delle troppe avanguardie, degli ismi che si ripetono fino alla noia come nel gioco degli specchi\". Dal suo canto l’artista Mauro Mazziero ha aggiunto: \"Pietro Annigoni ci trasmette la vita nel ritrarre uomini e cose, Con il suo inconfondibile tratteggio descrive i paesaggi visti durante le sue escursioni e giunge alla materializzazione visiva del tessuto connettivo dei ritratti. Una perizia che non è mai pedante virtuosismo, ma tutta al servizio dei soggetti che rappresenta , mantenendo anche nelle opere più dettagliate una freschezza di tocco che non riproduce mai l\'effetto tempo bloccato proprio dalla fotografia”.



Chiesa della Maddalena Via Zacconi – Pesaro

Dal 31 agosto all’11 settembre 2009

Dalle ore 17,00 alle ore 23,00






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-09-2009 alle 19:31 sul giornale del 02 settembre 2009 - 1527 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, Comune di Pesaro





logoEV