Rapinatori pendolari, presi dopo il colpo alla Carim

Roberto Cardinali e Antonio Carrozza 2' di lettura 11/10/2008 - E\' durata poco la fuga verso la stazione dei due malviventi che venerdì mattina hanno cercato di rapinare la Carim di via Annibal Caro.

Sono arrivati apposta da Pesaro in treno per \"svaligiare\" la filiale della Cassa di Risparmio di Rimini in via Annibal Caro i due rapinatori arrestati dai Carabinieri subito dopo il colpo. V.A., 25 anni, originario di Brindisi ma residente a Pesaro, pregiudicato, e M.B., 20 anni, nato a Durazzo ma anche lui residente a Pesaro e in regola con il permesso di soggiorno, si sono presentati intorno alle 13,20 all\'interno dell\'istituto di credito.


Entrambi a volto scoperto e indossando occhiale da sole, hanno minacciato con un taglierino i due impiegati che si trovavano alle casse di consegnare tutto il denaro. Un bottino di 5.280 euro, frutto dei contanti rimasti nelle casse dopo il trasferimento della maggior parte del denaro all\'interno della cassaforte. Arraffati i soli, i due sono scappati a piedi dirigendosi verso la stazione per salire sul primo treno diretto a Pesaro. Obiettivo dei due giovani rapinatori quello di confondersi tra la folla dei pendolari e degli studenti dell\'ora di punta. Sfortunatamente per i due i loro piano sono andati come previsto. Proprio lungo la statale infatti una gazzella dei Carabinieri, ferma per i normali controlli, ha notato i due camminare a piedi con uno zaino in spalla.


Non essendo volti noti, i Carabinieri li hanno fermati in via Sanzio per chiedere le generalità. Ad insospettire i militari la reazione dei due ragazzi che hanno cercato di scappare. A quel punto è scattata anche la perquisizione che ha fatto saltare fuori una borsetta di tela contenente il denaro (poco prima rubato in banca) e un taglierino. Nello stesso è arrivata anche la chiamata girata alle pattuglie dal 113, allertato dal direttore della Carim. I due sono stati immediatamente arrestati. Dal 1° gennaio ad oggi l\'Arma di Senigallia ha controllato ben 35.358 soggetti e 26.024 veicoli, di cui 6.359 pregiudicati. 1000 le denunce sporte a piede libero, contro le 750 dello scorso anno.


Nella foto, a sinistra il capitano della Compagnia di Senigallia Roberto Cardinali, a destra il comandante del Nucleo Radiomobile Antonio Carrozza.







Questo è un articolo pubblicato il 11-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 11 ottobre 2008 - 2018 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arresti, giulia mancinelli, rapina


Un plauso ai carabinieri che li hanno beccati al volo, ma sarà come al solito tutto inutile.<br />
<br />
Al massimo lunedi mattina qualche magistrato solerte li avrà già rilasciati.<br />

Quote Snai<br />
<br />
Liberi subito 1.20<br />
Liberi fra una settimana 2.10<br />
Un anno in galera 100<br />
Cinque anni in galera 1000

Scusate, credo di non aver capito bene, adesso a Senigallia vengono a fare le rapine in TRENO? Nel senso che una volta preso il malloppo escono con passo solerte, arrivano alla stazione, si mettono in fila alla biglietteria, fanno il biglietto di ritorno (a meno che non l\'avevano già fatto all\'andata) aspettano 10 minuti sotto la pensilina, prendono il treno in carrozza di seconda classe e tornano a casa? Raga, se banditi e delinquenti cominciano a pensare che a Senigallia è facile fare una simile rapina siamo tutti messi molto male.......complimenti ai carabinieri per la risoluzione di questo caso ma cazzo!!!!!!! Non ci posso ancora credere...........

fedelissima

i miei complimenti finalmente almeno x un giorno hanno vinto i buoni, ...... i carabinieri sono stati molto bravi nello svolgimento del proprio lavoro/dovere........!!!!!!!!!!!!!!!!!occhio e fiuto quindi veramente complimentiamoci nuovamente!!!

No, per fortuna non è proprio così, nel senso che non è una cosa che riguarda solo Senigallia e alla fine dipende molto dalle dimensioni della filiale,e da noi ce ne sono molte e di piccole dimensioni per cui non sempre c\'è vigilanza \"attiva\".<br />
Con la sfortuna però che Senigallia non è un paesino dell\'entroterra, con pochi abitanti e tutti che notano tutto, ma una media città e per giunta facilmente collegata al di fuori.

Complimenti alla compagnia dei Carabinieri di Senigallia per l\'ottimo operato; speriamo che scontino tutto quello sia giusto far loro pagare, perchè si tratta di una rapina, reato particolarmente grave.

Comunque guardate che belli quei contanti sul tavolo...

Ok,ok ma non mi riferivo al fatto che le rapine si facciano solo ed esclusivamente a Senigallia, lo so che le fanno anche in altre città, so anche che da noi ci sono banche più o meno piccole, io mi riferisco al fatto che i rapinatori vengono e ripartono in TRENO, lo ripeto: in treno!! a quando l\'uso del cavallo?

Anonimo

Comunque sti due sono dei fenomeni.........a me non mi avrebbero mai preso.........

la legge

Bravi..........,poi dicono che le divise non fanno nulla.Mi complimento con i carabinieri operanti e tutta l\'Arma dei Carabinieri.Ragazzi,non diciamo che le divise\"operatari\"servono solo per fare le multe.Al momento quando neanche ci pensiamo loro sono li.Quando abbiamo bisogno di aiuto preghiamo sempre che ci sia vicino uno in divisa.Bravi , viva l\'arma,viva i Carabinieri.L\'arresto di ieri ne è testimone.

E\' simpatica la disposizione dei soldi sul tavolo

luca melone

Commento sconsigliato, leggilo comunque