Cannabis Light a Pesaro: dove comprarla

Cannabis light district 6' di lettura 12/01/2021 - Pesaro è un comune marchigiano di circa 94 mila abitanti e inserito nella provincia di Pesaro e Urbino. Questa città è tra le più popolose di tutte le Marche, seconda soltanto ad Ancona. Bagnata dal Mare Adriatico, Pesaro è un polo di interesse per gli amanti della storia e delle città rinascimentali.

Una caratteristica molto particolare è il fatto che sia conosciuta come la “città della bicicletta”, per via delle numerose piste ciclabili di cui è dotata, e “città della musica”, grazie al forte legame con il compositore pesarese Gioachino Rossini e le sue opere, conosciute e apprezzate in tutto il mondo. Il legame con quest’ultima ha fatto sì che Pesaro rientrasse nel patrimonio UNESCO con il riconoscimento di Città Creativa per la musica.

Un riconoscimento prestigioso che l'ha resa ancora di più meta turistica per tutti quei viaggiatori alla ricerca di luoghi intrisi di storia e cultura. In questa città dove storia e cultura si intrecciano e trovano la loro espressione più alta, è possibile reperire la Cannabis Light?

Da oggi puoi farlo da aziende marchigiane come Cannabis Light District.

Innanzitutto cos’è la Cannabis?
La Cannabis o canapa è una pianta angiosperme appartenente alla famiglia delle Cannabaceae. Secondo le teorie più accreditate alla canapa appartiene una sola specie: la Cannabis sativa, largamente diffusa in occidente e comprendente alcune sottospecie. Teorie alternative invece separano la varietà sativa da quella indica e ruderalis.

La Cannabis indica è conosciuta anche come canapa indiana ed è particolarmente nota per gli effetti corposi capaci di stimolare mente e corpo.

La Cannabis ruderalis, invece, è stata descritta e classificata nel 1924 e oggi rientra nella sottospecie della cannabis indica. La ruderalis, a differenza delle altre, è povera di THC. La differenziazione infatti si concentra principalmente nella percentuale presente di THC, cioè tetraidrocannabinoli, e di cannabinoidi come il CBD. La pianta di canapa è facilmente riconoscibile grazie alle foglie picciolate, raggruppate in gruppi da 5 o 13 foglioline lanceolate. La larga e fortunata diffusione dei preparati psicoattivi della pianta si deve alle infiorescenze femminili ottenute dal genotipo THCA-sintetasi, proibiti poi negli anni ‘20.

L’utilizzo della canapa prima del proibizionismo
Numerosi furono gli utilizzi della canapa prima del netto calo che tale diffusione subì a causa del proibizionismo. In tutto il mondo, già dall’antichità, la fibra della canapa veniva largamente utilizzata per la produzione della carta. Il fusto è stato poi materia prima per fibre tessili, fibre plastiche e concimi. In medicina i fiori e le foglie erano utilizzati a scopi terapeutici, come antinfiammatori particolarmente efficaci. Un utilizzo prima dei proibizionismo è testimoniato anche in campo industriale: furono create automobili, in particolare un prototipo denominato Hemp Body Car, costituito dal 60% di materiali derivati dalla canapa. L’olio di canapa, inoltre, veniva utilizzato come combustibile, la Hemp Body Car, infatti, era alimentata a etanolo di canapa.

La fortunata creazione del 1937 è attribuita a Henry Ford. Anche il largo utilizzo psicotropo della cannabis affonda le proprie origini in antichità, questa pianta, sacra agli hindu, rese la popolazione di fumatori prima in assoluto nel mondo.

In Siria, invece, si testimonia la nascita degli Hashashin, letteralmente “dediti all’Hashish” mentre nel corso dell’ottocento a Parigi nacque addirittura il Club des Hashischins, frequentato da autori di spicco come Balzac, Baudelaire, Dumas e Hugo. È proprio nel corso dell’ottocento che la cannabis raggiunge la massima fortuna e diffusione.

In Europa furono le isole britanniche le primissime pioniere ma nel corso dell’ottocento la diffusione dell’hashish divenne una vera e propria moda. Nonostante la testimonianza di chi, come lo psichiatra francese Joseph Moreau, confermava gli effetti benefici della sostanza ben presto la sua commercializzazione venne stroncata dalla legge. Nel 1937, infatti, venne emanato il Marijuana Tax Act, firmata dal presidente Franklin Delano Roosevelt, che proibì l’utilizzo di qualsiasi tipo di canapa. La legge entrò a gamba tesa in tutti i paesi dell’Occidente. In seguito a questa venne drasticamente ridotto anche l’utilizzo a scopo medico.

La vendita della Cannabis Light e la terapia moderna
In seguito alla legge approvata nel 1937, il proibizionismo della cannabis risentì di un duro calo commerciale.

Il primo paese a legalizzare il suo utilizzo a scopo terapeutico fu il Canada nel 1996, al quale si accodarono poi negli anni altri paesi. Attualmente i paesi ad aver legalizzato l’utilizzo a scopo terapeutico della cannabis sono: Australia, Canada, Cile, Colombia, Germania, Grecia, Israele, Italia, Paesi Bassi, Perù, Polonia e Regno Unito mentre negli Stati Uniti hanno aderito 31 stati federali. Attualmente si è diffusa, non senza esitazioni e controversie, la vendita legale della Cannabis Light quel prodotto cioè a base di CBD, e venduta in varie forme a seconda dell’utilizzo scelto.


L’utilizzo di prodotti di cannabis leggera si possono poi suddividere in due categorie: quelli utilizzati come farmaco e quelli nati a scopo ricreativo. Nel primo caso servono a lenire dolorose terapie come la chemioterapia o malattie autoimmuni come la fibromialgia. Nel secondo caso, e quindi ricreativo, è largamente diffuso il fumo di fiori di cannabis, legale negli Stati Uniti.

La differenza sostanziale e tossicologica risiede nei livelli di THC. In mercato, e anche nei negozi di Cannabis Light, è legale la vendita di prodotti di canapa che non abbiano gli stessi identici effetti tossicologici della marijuana e, ultimo ma non meno importante, non provocano dipendenza. Questi possono essere tranquillamente acquistati sul sito di e-commerce di infiorescenze di cannabis light e olio di canapa.

Cannabis Light a Pesaro
Scegliere di acquistare Cannabis Light a Pesaro è abbastanza semplice, grazie alla larga diffusione di negozi ed empori della canapa nei quali sono disponibili prodotti e oli a base di CBD.

Oltre ai punti vendita presenti sul territorio comunale di Pesaro, è possibile comprare Cannabis Light scegliendo tra una serie di siti affidabili senza temere di infrangere le regole legislative. È possibile affidarsi agli acquisti online sul sito e-commerce di infiorescenze di cannabis light e olio di canapa. I prodotti in commercio, tra cui prodotti e oli a base di canapa, sono a base di CBD e non THC.






Questo è un articolo pubblicato il 12-01-2021 alle 10:17 sul giornale del 13 gennaio 2021 - 326 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo, Cannabis light district

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bIW4





logoEV
logoEV