Nuovo ospedale, Art.1: "Non può finire nel tritacarne politico la più grande infrastruttura pubblica degli ultimi 50 anni"

sanità|fano|pesaro|ospedale unico| 3' di lettura 02/12/2020 - La più grande infrastruttura pubblica, a carattere sociale, degli ultimi 50 anni nel nostro territorio non può finire nel tritacarne politico e istituzionale di questi ultimi giorni. Non valgono nè presidi nè ordini del giorno, che lasciano il tempo che trovano e sono utili solo per l’immagine.

Serve, invece, ritrovarsi attorno ad un progetto comune e condiviso, cosa che, appunto, è mancata nella progettazione dell'ospedale di Muraglia attraverso il project financing. In questo senso è importante il contributo che Cgil Cisl e Uil provinciali hanno dato in tale direzione.

Art. 1 non ha detto mai no ad un nuovo ospedale per questa provincia, siamo consapevoli che le strutture attuali di Pesaro e Fano sono obsolete e non più adeguate a una sanità moderna. Art.1 ha detto forte e chiaro il suo no al project financing e un no ad un sito la cui scelta, vale la pena ricordarlo, fu residuale di un percorso istituzionale, fatto dalla Provincia, che aveva come prima opzione Fosso Sejore, fortunatamente scartata. Oggi è necessario ripartire, presto, con risorse pubbliche e con un percorso partecipato lo stesso già individuato da un decreto del Governo Gentiloni che prevede processi partecipativi sulle grandi opere pubbliche, in attuazione del nuovo Codice degli Appalti. Servono trasparenza e condivisione, affinchè tutti possano comprendere e nessuno, a partire dai cittadini, debba sentirsi privato di un servizio essenziale per il diritto alla salute.

Ci ha fatto piacere sentire il sindaco di Pesaro dire che non gliene “frega” niente del project financing, che a lui interessa che non si perdano i soldi per Pesaro e che si faccia il nuovo ospedale. Una riconversione sulla via di Damasco dal momento che non l’ha mollato neanche quando si trattava di stringere l’alleanza con Art. 1 per le amministrative. Noi, avevamo fatto una richiesta precisa per partecipare all’alleanza, No al project financing, per le ragioni che oramai sono note a tutti. La stessa cosa abbiamo chiesto per l’alleanza regionale e vorrei ricordare a tutti e in primo luogo al PD di Pesaro che nel programma non c’era la proposta dell’ospedale unico ma di un nuovo ospedale e che il project financing non era previsto. E’ vero però che su questo punto in campagna elettorale il PD non è stato chiaro e spesso ha contraddetto quello che era stato patuito e scritto e tutti abbiamo pagato un caro prezzo.

Oggi, per fortuna, gli scenari sono profondamente mutati, non solo perché ha vinto la destra ma perchè l'edilizia sanitaria pubblica può contare su regole più certe, procedimenti più veloci, sempre che si voglia ripartire in maniera condivisa, e molte risorse pubbliche, da ultimo, altri 52 milioni di euro per le Marche, parte del rifinanziamento di 2 miliardi contenuti nella Legge di Bilancio in discussione in Parlamento, che si aggiungono ai 30 miliardi complessivi che grazie al Ministro Speranza sono stati ulteriormente implementati.

Ma un nuovo ospedale, che deve essere di tutti, quindi facilmente accessibile e baricentrico, non è pensabile senza una rete ospedaliera diffusa nell'entroterra, senza un presidio ospedaliero a Urbino che abbia servizi e personale, senza una rete dell'emergenza urgenza e di Case della Salute che funzionino davvero.

Se siamo scesi al 9° posto nella classifica dei LEA del Ministero della Salute, come Regione Marche, un motivo ci sarà: abbiamo fatto male e poco, mentre altre Regioni che per noi sono state sempre un punto di riferimento, non sicuramente il modello lombardo, a guida centrodestra, che oggi mostra tutte le sue drammatiche crepe, hanno fatto meglio e di più, in molto meno tempo e con più efficacia, evidentemente.

Per quello che ci riguarda, Art. 1 vigilerà affinchè questo territorio provinciale possa avere un Servizio Socio Sanitario regionale all'altezza delle aspettative dei suoi cittadini e cittadine.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-12-2020 alle 10:08 sul giornale del 03 dicembre 2020 - 1048 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, fano, pesaro, ospedale unico, Art.1 MDP e Liberi e Uguali, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bEdS





logoEV