Consiglio comunale, passa la variazione al bilancio

Consiglio comunale pERUGINI 4' di lettura 27/10/2020 - Seduta del Consiglio comunale a distanza quella di oggi lunedì 26 ottobre. A dare il via ai lavori è stato il presidente Marco Perugini che ha voluto «ringraziare i consiglieri per la partecipazione all’assise convocata in modalità online».

Tra i presenti, anche Nicola Baiocchi della lista “Prima c’è Pesaro”, che ha annunciato le sue dimissioni. Una «scelta fatta in conseguenza all’elezione nel Consiglio della Regione Marche». Baiocchi ha parlato di una «decisione sofferta presa dopo più di un anno bello, che mi ha insegnato tanto e permesso di conoscere persone che mi hanno arricchito. Rimarrà sempre il rispetto reciproco delle parti. Ringrazio il sindaco, il presidente del Consiglio, il segretario comunale e i consiglieri tutti. Sono certo che da parte dell’Amministrazione non ci saranno posizioni di pregiudizio e che lavoreremo, insieme, per il territorio». Entro 10 giorni, sarà comunicato il consigliere che sostituirà Baiocchi.

Via libera del Consiglio comunale allo schema di convenzione e direttive in merito all’espletamento della gara per l’affidamento del servizio di tesoreria comunale per il periodo 1/1/2021 al 31/12/2025.

Approvata con il voto favorevole di 24 consiglieri (9 contrari) la variazione al bilancio di previsione 2020- 2022 presentata dall’assessore al Rigore Riccardo Pozzi: «È una variazione corposa, in cui confermiamo la nostra ratio: tenere alta l’attenzione su ogni euro destinato alla spesa corrente e, di pari passo, accelerare gli investimenti. Non dobbiamo smettere di pensare allo sviluppo socio-economico futuro della città».

Tra i punti chiave della delibera, lo stanziamento di 1.026.000€ complessivi «per l’acquisizione del San Domenico che riconsegneremo alla città. Inizia il percorso che consentirà di riqualificare l’immobile e dare nuova vivacità a via Giordano Bruno. L’obiettivo è creare un luogo in cui socializzare, condividere, stare bene». Il progetto passa alla fase operativa e, nei prossimi mesi, «darà vita a uno spazio aperto dedicato alle botteghe tradizionali e ai prodotti d’eccellenza del territorio». Tra gli interventi più attesi quello previsto con i 175.000€ destinati alla manutenzione straordinaria delle scogliere lato nord. La cifra stanziata andrà a sommarsi ai 430.000€ già messi a Bilancio dal Comune per rispondere all’erosione e ai 175.000€ di fondi regionali. I lavori si concluderanno entro la primavera 2021. La variante destina 51.000€ per l’incarico di progettazione per l’efficientamento energetico delle scuole di Villa San Martino. Importo che consentirà di sbloccare i 900.000€ euro per i quali il Comune ha già ottenuto un finanziamento e di dare il via alle operazioni che miglioreranno la qualità degli spazi e renderanno più sicure e funzionali la primaria “Don Bosco” e la materna "La Grande quercia". Altre voci: l’istallazione di impianti di illuminazione pubblica (42.000€); 60.000€ per operazioni di pulizia di fossi e canali; 150.000€ per lo smaltimento dell’amianto; 12.000€ per la manutenzione ordinaria del canile comunale.

Il dibattito del Consiglio si è incentrato sulla distribuzione dei fondi erogati dal Governo (1 milione di euro) alla città, riconosciuta dallo Stato tra i territori più colpiti dall’emergenza sanitaria del Covid-19. Tra gli interventi:

Michele Gambini (Pd): «Mi spiace per la mancata discussione in Consiglio comunale della spartizione di questi fondi: sarebbe stato un caso da manuale su cui misurare l’idea di equità e giustizia di ciascun consigliere. Le linee scelte dalla Giunta, in particolare quella denominata “Bonus bambini”, non corrispondono alla mia idea di equità distributiva».

Positivo il giudizio di Tomas Nobili (Forza Pesaro #Ungranbelpo’) sulle cifre previste per l’acquisizione del San Domenico, «un’ operazione fondamentale per la città che valorizzerà la struttura, l’intera zona del centro e che darà nuove opportunità alle attività economiche» così come sull’efficientamento energetico delle scuole di Villa San Martino «interventi che mi auguro siano presi come apripista anche per altre scuole» mentre ha richiesto di aprire «un tavolo di discussione con i gestori dei centri diurni per ragazzi di età superiore ai 16 anni che hanno avuto restrizioni ai loro servizi» a cui destinare parte dei fondi arrivati dallo Stato.

Giulia Marchionni (Prima c’è Pesaro) ha indicato che «l’unica cosa che mi piace della variazione sono i 30.000€per la ricognizione strutture e i 150.000€ per la rimozione dell’amianto». Non condivide invece, né comprende «i criteri imbarazzanti scelti per la distribuzione dei fondi stanziati dal Governo per l’emergenza Covid-19. Il consiglio, e anche la commissione competente, sono stati esautorati del loro ruolo. Rivolgo un appello alla giunta e chiedo di ritirare il provvedimento e riportare al vaglio del Consiglio la discussione».

Per il consigliere uscente Nicola Baiocchi (Prima c’è Pesaro) «la distribuzione del milione di euro andava circoscritta a determinate categorie, non andava fatto un intervento a pioggia» e Roberto Biagiotti, (Lega), ha commentato che «le campagne elettorali si fanno con altri temi e in altri tempi. Ora serve aiutare chi sta male».

Giovanni Dallasta, (Lega) «contesta la frettolosità dell’investimento di questa variazione di bilancio. Si sarebbero dovuti accantonare maggiori risorse per eventuali emergenze future».






Questo è un articolo pubblicato il 27-10-2020 alle 08:34 sul giornale del 28 ottobre 2020 - 455 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bzQN





logoEV