Pusher arrestato dalla polizia: in casa cocaina, 10mila euro in contanti e una pistola

droga pesaro 2' di lettura 10/06/2020 - Continua l’attività del personale della Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile nel contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. Gli agenti hanno arrestato un 30enne già condannato per droga e tentato omicidio.

L'uomo, già noto alle forze dll'ordine, pregiudicato trentenne di origini campane, ma da alcuni anni dimorante a Pesaro, è stato bloccato nel primo pomeriggio di lunedì 8 giugno dagli agenti appostati sotto la sua abitazione al fine di monitorarne i movimenti.

Mentre il 30enne si apprestava a ripartire con la sua auto, è stato fermato e perquisito, permettendo di rinvenire e sequestrare un involucro contenente cocaina 2,5 grammi di cocaina, sicuramente destinata ad una cessione, uno stiletto, uno storditore elettrico comunemente detto “taser”, nonché due aggeggi elettronici particolari. Uno atto a individuare eventuali microspie o telecamerine installate sull’auto o in altri ambienti, e il secondo atto a inibire frequenze radio/telefoniche. Il tutto si ritiene fosse utilizzato proprio per la conduzione dell’illecita attività di spaccio ovvero per eludere eventuali indagini della Polizia e delle altre Forze dell’Ordine nei suoi confronti.

Le perquisizioni, estese all’appartamento in locazione, hanno portato ad altre sorprese. Oltre ad altri due involucri contenenti cocaina del peso complessivo di ulteriori 12 grammi, al classico bilancino e a tutto il materiale per la suddivisione e il confezionamento delle dosi è stata rinvenuta l’ingente somma di quasi 10.000 euro in contanti; somma che si ritiene tutta compendio dello spaccio già compiuto.

Sicuramente il quantitativo di droga iniziale era pressochè quasi tutta già spacciato e il giovane si sarebbe a breve rifornito con altro importante quantitativo di cocaina verosimilmente non inferiore all’etto. Non solo. E' stata rinvenuta e sequestrata, sempre all’interno dell’appartamento, una pistola originariamente ad aria compressa ma di fatto accuratamente modificata con l’installazione di un percussore atteso che risultava idonea a sparare piccole cartucce “flobert”, con carica in polvere da sparo e ogiva in piombo, pertanto da considerarsi a tutti gli effetti quale arma da sparo clandestina la cui detenzione è sempre illegale.

In mattinata il G.I.P. del Tribunale di Pesaro ha convalidato l’arresto.

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su WhatsApp o Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 371.4439462 alla tua rubrica ed inviaci un messaggio (es.: ok notizie).
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"






Questo è un articolo pubblicato il 10-06-2020 alle 18:37 sul giornale del 12 giugno 2020 - 2782 letture

In questo articolo si parla di cronaca, droga, pesaro, spaccio, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bnGN





logoEV