Ripresa, com’è andata la prima settimana? La parola ai commercianti

Parrucchiera 3' di lettura 23/05/2020 - Pesaro riparte, tra mille precauzioni ed una discreta dose di paura. Ad una settimana dall’entrata in vigore del Dpcm del 18 maggio, numerose attività hanno potuto finalmente riaprire i battenti.

Nel pomeriggio odierno alcuni commercianti sono intervenuti ai nostri microfoni per commentare quanto accaduto durante i primi giorni di ripresa. "Ci sono momenti di maggiore e minore affluenza, sicuramente nel week-end riscontriamo maggior movimento. I clienti sono molto attenti a rispettare le norme igieniche, ma sono un pò titubanti quando si tratta di entrare nel negozio. L'assenza di turismo crea qualche problematica in più, ma vogliamo sfruttare la componente autoctona. Voglio lanciare un messaggio ai pesaresi: siate responsabili, i prossimi 15 giorni saranno decisivi per determinare se potremo vivere un'estate dai connotati quasi 'normali' ", commenta un salumiere in Viale Trieste.

Lo segue la titolare di un negozio di scarpe situato nel lungomare: "Avrei immaginato una maggior dose di panico, invece, con le dovute precauzioni, i clienti entrano nel negozio, seguono le procedure igieniche e mantengono la distanza di sicurezza. Le persone non sono particolarmente allarmate, sono felici di poter uscire. Ma i problemi di natura economica possono influenzare negativamente l'affluenza di clienti all'interno del negozio. Per quanto concerne le misure di sicurezza, abbiamo igienizzato tutti i locali, utilizziamo prodotti per sanificare gli articoli provati dai clienti e forniamo una calza per la prova. Sono tutti molto preparati, dai bambini ai più grandi".

"Non ci lamentiamo, stiamo lavorando ed è già un aspetto positivo. Ovviamente i clienti sono più timorosi e preferiscono l'asporto al mangiare all'interno della pizzeria - commenta una dipendente -. Le nostre misure di sicurezza sono basilari: mascherina e distanza di almeno un metro".

L'ultima ad intervenire è una parrucchiera nella zona del centro storico: "Stiamo adottando tutte le misure igienico-sanitarie richieste, ci auguriamo che questa situazione possa terminare il prima possibile. Le clienti sono tranquille perché notano i nostri sforzi per mantenere salubre l'ambiente. Il nostro equipaggiamento prevede una visiera protettiva, mascherina e guanti. Tutto sommato è stata una buona ripartenza, seppur tra mille difficoltà. Sicuramente non abbiamo la clientela che avevamo prima del lockdown, ma nonostante ciò chi entra qui si adatta alle regole, è educato e rispettoso. Un messaggio allo Stato? Se ci stesse più vicino sarebbe meglio! Inoltre, leggevo una notizia che spero non sia veritiera, relativamente all'assenza di Pesaro tra le zone rosse, ragion per cui non ci verranno forniti soldi a fondo perduto. Se lo Stato non ci aiuta allora ci risolleveremo da soli".

GUARDA IL VIDEO

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su Whatsapp o Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 371.4439462 alla tua rubrica ed inviaci un messaggio (es.: ok notizie).
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"






Questo è un articolo pubblicato il 23-05-2020 alle 18:10 sul giornale del 25 maggio 2020 - 26966 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pesaro, vivere pesaro, capelli, parrucchiera, articolo, Roberto Panaroni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmkc





logoEV