Palazzina F del San Salvatore ai pazienti covid, pediatria e maternità a Fano. M5S: "Siamo sconcertati"

pianta ospedale pesaro 4' di lettura 21/04/2020 - Leggiamo dalla stampa il piano sanitario di Marche Nord per la cosiddetta fase 2, e siamo sinceramente sconcertati. In particolare non convince la scelta di destinare tutta la palazzina F del San Salvatore di Pesaro ai pazienti Covid e conseguente trasferimento dei reparti di Pediatria e Maternità che, afferma la dott.ssa Capalbo, saranno spostate completamente all’ospedale Santa Croce di Fano.

La perplessità non è solo nostra, come portavoce, delle preoccupazioni dei cittadini ma anche di molti professionisti dei suddetti reparti, per i seguenti motivi:

1. Le puerpere e i bambini dovrebbero essere i più tutelati, così come le emergenze non Covid, a cui va garantito il ricovero in sicurezza. Se, come leggiamo, la prima ripartenza al San Salvatore è stata riservata all’area chirurgica, all’UTIC e alla medicina d’urgenza, è difficile comprendere la scelta di allocare donne e bambini a Fano che in caso di emergenze gravi dovrebbero essere di nuovo portate a Pesaro per il trattamento, ben sapendo quanto la tempestività possa incidere quando è in arrivo una nuova vita;

2. Perché interrompere le attività del nuovo reparto di Pediatria, completamente ristrutturato a misura di bambino, con ludoteca e ambienti accoglienti, inaugurato solo qualche anno fa con orgoglio?

3. Ostetricia vanta una sala parto attrezzata per il parto in acqua, oltre a garantire la continuità di cura sia alle partorienti sia alle pazienti di ginecologia in maniera eccellente, attraverso il rapporto diretto con il proprio ginecologo di fiducia, soprattutto per la parte chirurgica e post chirurgica. Non capiamo quindi il motivo di interrompere un progetto di cura così ben strutturato;

4. I bambini che nascono molto prematuri vengono trasferiti e trattati all’ospedale di Torrette di Ancona, ma possono essere seguiti, superato il pericolo, nella terapia intensiva neonatale di Pesaro. Da ora in poi, invece, dovranno restare più a lungo in Ancona;

5. Si registra già una quota di partorienti del pesarese che sceglie di partorire a Rimini, fuori Regione. In questo modo, c’è la concreta possibilità che tale quota aumenti, a danno della sanità marchigiana;

6. La ginecologia chirurgica, che rimarrebbe a Pesaro, non sarà dotata di una presenza di un ginecologo 24 ore su 24 ed eventuali criticità potrebbero così dover essere gestite dai medici chirurghi. Inoltre non ci sarà una guardia ginecologica per emergenze che dovessero arrivare al Pronto Soccorso di Pesaro a livello di consulenza specialistica;

7. Non regge nemmeno il motivo che la palazzina F sarebbe isolata, perché probabilmente offre migliori condizioni la palazzina H. Tutte le strutture sono comunque collegate attraverso i sotterranei, e la rianimazione è addirittura nel blocco centrale, per cui si dovranno in ogni caso creare percorsi “sporchi” e “puliti” in un dedalo disorganizzato.

Queste le considerazioni sul piano tecnico sulle quali chiediamo chiarimenti. Sul piano politico facciamo un’ulteriore considerazione: la sanità pubblica dovrebbe essere al servizio dei cittadini e non viceversa.

Il personale ospedaliero ha fatto un lavoro straordinario in queste settimane di emergenza e lo ha fatto per salvare più vite possibile ma anche per tornare presto a fare il proprio lavoro con passione e serenità. I cittadini hanno rispettato le indicazioni, curandosi a casa laddove possibile e aspettando pazientemente interventi chirurgici programmati e inevitabilmente slittati. Crediamo che meritino, nel lento ritorno alla normalità, di essere tenuti in considerazione rispetto ai loro bisogni, compatibilmente con l’andamento della pandemia ora che il picco è stato superato.

La logica di Marche Nord è chiaramente quella di differenziare le prestazioni nei tre presidi (San Salvatore, Muraglia e Santa Croce), ma su Pronto Soccorso, punto nascite e Pediatria non è assolutamente accettabile.

È vero che la Dott.ssa Capalbo parla di situazione transitoria, ma di cose transitorie che diventano definitive abbiamo una vasta letteratura. Perciò, visto che la Sanità riguarda tutti, chiediamo di rivedere totalmente il piano fase 2 sul San Salvatore, in maniera rispettosa di tutti i pazienti, covid e non.

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 371.3589806 alla tua rubrica ed inviaci un messaggio (es.: ok notizie).
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"






Questo è un articolo pubblicato il 21-04-2020 alle 11:06 sul giornale del 22 aprile 2020 - 3045 letture

In questo articolo si parla di politica, pesaro, Movimento 5 Stelle, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bj1D





logoEV