Coronavirus: il Ministro Speranza, "Italia ferma fino al 13 aprile". Ma una ulteriore proroga appare scontata

1' di lettura 01/04/2020 - Si andrà avanti per step perchè non è possibile, al momento, indicare una data X in cui si potrà tornare alla normalità, semmai una normalità (intesa come "sarà tutto come prima") potrà mai esserci. Il Governo è al lavoro per un nuovo Decreto che prorogherà, almeno fino al 13 aprile, le misure di contenimento del Coronavirus attualmente in vigore.

L'anticipazione era già circolata nelle scorse settimane, considerata anche l'epidemia tutt'ora in corso in Italia, ed è stata ora confermata dal Ministro della Salute Roberto Speranza durante la sua informativa in Senato. L'Italia resta ferma fino a dopo Pasqua. L'obiettivo è quello di proceder per step, prorogando o allentando le misure di contenimento, a seconda dell'andamento e, si spera, del calo della pandemia.

"I dati migliorano ma sarebbe un errore cadere in facili ottimismi. L'allarme non è cessato e per questo è importante mantenere fino al 13 aprile tutte le misure di limitazioni economiche e sociali e degli spostamenti individuali -ha detto Speranza- Gli italiani hanno dato una grandissima prova di maturità. Gli esperti dicono che siamo sulla strada giusta, e che le misure drastiche adottate iniziano a dare risultati. Ma sarebbe un errore imperdonabile scambiare questo primo risultato per una sconfitta definitiva del Covid, è una battaglia lunga, e non dobbiamo abbassare la guardia".

Il Ministro Speranza precisa anche che "la ripresa sarà prudente e graduale" e che sulle modalità del graduale ritorno alla normalità "sono al lavoro gli scienziati". Confermata la "massima vigilanza per evitare speculazioni e cure fai-da-te".






Questo è un articolo pubblicato il 01-04-2020 alle 10:29 sul giornale del 02 aprile 2020 - 1176 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/biN6





logoEV
logoEV