II triathlon a Pesaro cresce con la Dinamo

3' di lettura 15/06/2019 - La Dinamo ha partecipato ai Campionati Italiani di Acquathlon e alla Coppa Italia di Triathlon, svolti a Porto San'Elpidio sabato 1 e domenica 2 giugno, con ben 30 atleti in gara appartenenti a tutte le categorie; dai Cuccioli 8 anni ai Under 23.

Il Presidente Andrea Grazioli dice in merito " Sono molto soddisfatto e orgoglioso di tutti i ragazzi che hanno gareggiato con determinazione e coraggio, senza mai mollare, nonostante l'acqua fredda in una situazione molto difficile soprattutto per i più piccoli. Sono molto fiero del grande attaccamento alla squadra dimostrato. Il risultato più prestigioso raggiunto è stato il quarto posto nella gara Coppa Italia Triathlon di Niccolò Sancisi, categoria Youth B. Il suo è stato un risultato importantissimo trattandosi della manifestazione giovanile più importante in Italia alla quale partecipano migliaia di atleti".

Il tecnico Raffaele Secchi dice " Sono soddisfatto di questo quarto posto che gli ha consentito di salire su questo palco importante perché nel triathlon vengono premiati i primi sei, ma soprattutto emozionato per queste due giornate appena concluse. Ogni partecipante, dal più piccolo al più grande, mi ha reso orgoglioso soprattutto perchè il Triathlon, essendo uno sport imprevedibile ed individuale, porta l'atleta a scontrarsi con difficoltà che non possono essere calcolate quali le condizioni del mare, vento,pioggia, problemi meccanici con la bici, cadute ecc.

Proprio per questo è parte integrante del mio allenamento la disciplina mentale, la gestione dell'emotività; Non basta puntare solo sull'allenamento nel senso stretto della parola ma è importante, decisivo allenarsi alla lucidità mentale. E' questa la chiave giusta per poter poi permettere all'atleta di saper fronteggiare l'imprevedibilità del caso: le partenze con 200 ragazzi e l'abilità, la concentrazione di sapersi posizionare bene sin da subito, le traiettorie giuste per gestire la corrente...Date le difficoltà cerco sempre di essere presente in gara come se partecipassi anch'io con l'obiettivo di diventare punto di riferimento e dare una visione globale ai miei atleti.

Il risultato di Niccolò sancisi parla proprio di questa dedizione che mettiamo insieme come squadra. Dedizione iniziata 6 anni fa, anni di impegno e sacrifici,un percorso non facile, dove è stata importante la presenza della famiglia che l’ha sempre sostenuto e ha fatto sacrifici per consentirgli di poter gareggiare al meglio e a sempre avuto fiducia in me, anche quando le cose non andavano sempre bene.il percorso è molto lungo per arrivare a gli obiettivi che le potenzialità di Niccolò gli consentirebbero.

L’obiettivo di adesso è sempre mirato alla graduale costruzione di un sano divertimento più che all'ansia del raggiungimento di un risultato. Con Niccolò ho lavorato principalmente sull'emotività, costruendo percorsi che potessero permettergli di stare a suo agio, senza stress, all'interno di ogni singolo disciplina. Segnalo anche il risultato di Giacomo Branchesi che ha conquistato il titolo regionale nella manifestazione di sabato. Il suo risultato ha mostrato il proprio potenziale, sviluppato in pochi mesi di allenamenti duri, che deve comunque essere il punto di partenza per sviluppi e maturazioni sempre migliori. Allo stesso modo tutti i nostri atleti hanno un grande potenziale che aspetta solo di essere sviluppato con impegno, dedizione e amore per lo sport.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-06-2019 alle 00:49 sul giornale del 16 giugno 2019 - 2224 letture

In questo articolo si parla di sport

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a8DB