No a Montecopiolo e Sassofeltrio in Romagna: la carica dei mille

sassofeltrio 12/04/2019 - Apprendiamo da notizie di stampa che il Presidente della Regione Marche ha scritto una lettera ai Presidenti della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica Italiana con un nuovo accorato appello affinchè si blocchi ancora una volta la legittima richiesta dei Comuni di Montecopiolo e Sassofeltrio di passare dalla Regione Marche alla Regione Emilia - Romagna ora che dopo 12 anni di attesa sarà finalmente accolta.

La motivazione è che si sono raccolte 1.000 firme di Cittadini che si dicono contrari e che portano come giustificazione il fatto che il territorio verrebbe danneggiato in particolar modo per l’accesso ai servizi che è stata una delle ragioni principali dell’affermazione plebiscitaria dei “SI” al referendum. Si è arrivati a dire che la Regione Marche ne avrebbe un danno perché perderebbe il possesso delle attrezzature della stazione sciistica di Villagrande, come se le avessero pagate con una sottoscrizione di Partito invece che con le imposte dei Cittadini e con il contributo dello Stato.

Altra delirante motivazione la futura divisione del Parco del Sasso Simone e Simoncello tra due Regioni dimenticando che è già in buona parte nel Comune di Pennabilli ( dove ha la sede in provincia di Rimini ) e che un Parco se interregionale è valorizzato e dimenticando anche che poter avere a 40 km. dal più importante bacino turistico della costa di Romagna una parco e una sciovia sarà un valore aggiunto importante proprio per questo territorio di montagna, abbandonato a se stesso da sempre.

La verità è che dopo 10 anni di assurda e immotivata ostruzione da parte della Regione Marche si è arrivati alla fine di un iter legislativo difficilissimo e continuamente insabbiato, un ultimo e inutile colpo di coda a difesa di un concetto di potere amministrativo che non ha diritto di essere considerato nella nobile categoria del governo democratico del territorio. Prima di raccogliere firme nelle sezioni del partito o nei bar i promotori di questa sceneggiata avrebbero fatto bene a leggersi le motivazioni della Corte Costituzionale n. 246 del 24.luglio.2010 con le quali si rigettava e respingeva il ricorso del Presidente della Regione Marche contro la legge 117/2009 che aveva legittimato il passaggio dei sette Comuni della Valmarecchia dalla regione Marche alla Regione Emilia – Romagna.

Anche allora un immotivato, ingiustificato e inutile ultimo gesto di ostilità preconcetta da parte del Presidente di allora Spacca che non ha poi trovato il successo della sua carriera politica che cercava con questa iniziativa e diciamo che gli è andata già bene che in questo paese non si paga mai per gli errori che fanno visto che alla regione Marche il ricorso è costato una lauta parcella pagata con soldi pubblici.

Noi in Valmarecchia dall’inizio alla fine della vicenda referendaria non abbiamo speso neppure un euro di denaro pubblico e la stessa cosa vale per gli amici di Montecopiolo e Sassofeltrio. Un onore che altri non hanno.


da Ass. Terre dei Malatesta e Montefeltro





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-04-2019 alle 10:02 sul giornale del 13 aprile 2019 - 3818 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, sassofeltrio, Ass. Terre dei Malatesta e Montefeltro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6tk





logoEV