Taxisti pesaresi, primi ambasciatori dell’accoglienza turistica

Taxisti pesaresi 3' di lettura 11/04/2019 - Si è concluso il corso pilota di formazione rivolto ai taxisti annunciato nel 2018, che ha riscontrato da subito un grande interesse. Il corso promosso da Confartigianato Taxi, unitamente alla cooperativa Taxisti pesarese COTAP e dal Comune di Pesaro ha registrato la totale partecipazione della categoria che già proponeva itinerari turistici.

Il corso di informazione turistica diffusa si è articolato in due aule per favorire la partecipazione dei taxisti e l’interazione fra docenti ed esperti e nel pieno rispetto delle esigenze di lavoro dei partecipanti che alternandosi non hanno mai interrotto il servizio taxi in città. "I taxisti sono il primo biglietto da visita di una città - ha sottolineato Marco Perugini consigliere comunale- e l’impressione che offrono al turista è molto importante. È accoglienza. Pesaro negli anni è cambiata e deve essere raccontata in modo diverso. Si tratta di un servizio importante, arricchito oggi dalla proposta escursioni."

Il corso che si è concluso con successo ha voluto appunto sostenere l’iniziativa dei taxisti, aggiornandoli per esempio sul programma del 150esimo, su mostre permanenti e temporanee o su altri eventi per migliorare il servizio e valorizzare l’offerta culturale sempre più volano economico e di promozione dell’economia della città.

“Molto positivo l’esito dell’iniziativa – ha precisato Mattia Bucco presidente COTAP -cooperativa taxisti pesaresi– promossa da Confartigianato e Comune di Pesaro. Siamo noi che in stazione accogliamo i turisti e quindi presentiamo il territorio. Abbiamo da sempre itinerari da proporre, per visitare Pesaro in taxi, con destinazioni nei dintorni quali Villa Caprile e Villa Imperiale, poi Urbino, le Grotte di Frasassi, a prezzi convenzionati, fissi, gli stessi anche per i giorni di festa, raccontati in un depliant (info radio taxi 0721454425)”.

L’idea è dare un servizio in più - ha evidenziato Marco Perugini consigliere comunale – Nel contempo il rapporto tra i taxisti e l’amministrazione comunale è ben consolidato, e va sicuramente al di là del trasporto delle persone.

Confartigianato sta puntando tanto sulla valorizzazione del turismo, - hanno precisato Gilberto Gasparoni di Confartigianato Taxi e Silvana Della Fornace di Confartigianato Territoriale Pesaro – perché è un tema con grandi potenzialità: il trasporto delle persone diventa strategico, dal servizio alla stazione, agli aeroporti, ai giorni successivi. Come categoria vogliamo sempre più dare competenze aggiornate. Per questo abbiamo voluto un progetto di formazione specifico, che visto il successo sarà replicato ed ampliato anche ad altre categorie.

I moduli del corso sono stati articolati in incontri sull’offerta culturale e artistica della città di Pesaro a cura del Comune di Pesaro e di Sistema Museo e di tutta la provincia, tra eventi, itinerari paesaggistici e del gusto, con degustazione dei prodotti tipici locali, a cura dell’Associazione Pro loco provinciale con Apa Hotel. L’esperienza formativa potrà essere non solo replicata per altri operatori economici ambasciatori dell’accoglienza turistica, ma anche estesa ad altre competenza, come un approfondimento della lingua inglese.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-04-2019 alle 08:51 sul giornale del 12 aprile 2019 - 1088 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato, Confartigianato Ancona - Pesaro e Urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a6oX





logoEV