Monumento alla Resistenza: ennesimo scivolone dell’amministrazione Ricci

Monumento alla Resistenza pesaro 1' di lettura 09/11/2018 - Il Partito Comunista Italiano di Pesaro apprende con vivo stupore la notizia che l’Amministrazione Comunale avrebbe deciso di rimuovere il Monumento alla Resistenza dal parco delle Rimembranze per costruirvi un parcheggio.

Oltre all’enorme spesa che tale progetto comporta, crediamo che il valore simbolico della scelta sia ancora più grave. Si sposta una scultura posizionata in quel punto oltre quarant’anni fa, e che ricorda a tutti i pesaresi la liberazione della Città dal nazifascismo, senza peraltro essere in grado di bonificare la zona dal degrado e dallo spaccio di stupefacenti. Si tratta di una delle tante scelte superficiali e senza senso di un’Amministrazione comunale ormai inghiottita dal vuoto di idee e di memoria che continua ad offendere la storia della Città, e che non è in grado di risolvere nessuno dei problemi che interessano cittadini, lavoratori e turisti, a cominciare da quello del degrado urbano, mai come oggi giunto a livelli insostenibili.

Il PCI di Pesaro chiede pertanto che il Sindaco e l’Amministrazione di centrodestra da lui guidata recedano da tale assurdo progetto, e avviino finalmente un’opera di riqualificazione di tutta l’area della stazione ferroviaria, al fine di rispondere alle esigenze dei pendolari e degli studenti che utilizzano autobus e treni per raggiungere quotidianamente il loro posto di lavoro e di studio.


da Partito Comunista Italiano
Federazione di Pesaro-Urbino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-11-2018 alle 09:50 sul giornale del 10 novembre 2018 - 2238 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, partito comunista italiano, Federazione di Pesaro-Urbino, Monumento alla Resistenza pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1c5