Scomparsa la professoressa Giancarla Vichi, mercoledì l'ultimo saluto

Giancarla Vichi 15/10/2018 - Sabato 13 ottobre si è spenta dopo una lunga malattia che ha affrontato con dignità e coraggio Giancarla Vichi, professoressa di lettere nella scuola secondaria di primo grado.

Negli anni ’80 Giancarla ha iniziato la sua carriera in Veneto. Con le seguenti parole la ricorda Maria Teresa Roda, del gruppo trevigiano del MCE - Movimento di Cooperazione Educativa “Anni vivaci, in cui nella scuola, ed in particolare al tempo pieno di Nervesa della Battaglia era un susseguirsi di idee, di vere innovazioni didattiche, una fucina. Laboratori teatrali e pittorici, lingua e poesia. Giancarla è arrivata in punta di piedi, senza farsi notare ma la sua amabile pignoleria e dedizione l’hanno portata presto ad essere non solo parte integrante del gruppo più attivo ma amica di tutte e tutti. Disponibile e sempre in atteggiamento di ascolto, curava le relazioni con alunne ed alunni come fossero delle sculture da cesellare ed allo stesso modo si prendeva cura dei testi e di quanto producevano, a volte riscrivendo per intero i passaggi ingarbugliati. Li aveva sempre vicini, i suoi scolari, spesso le stavano attorno, amava i più fragili che meritavano ancor più la sua attenzione e la preoccupazione per la loro riuscita. Si è fatta volere bene entrando lentamente, con un lavoro di scavo e pazienza nelle grazie di tutti, colleghi ed alunni”.

Al rientro a Pesaro Giancarla dimostra tutto il suo impegno nel settore della didattica: si mette in contatto con il gruppo locale del MCE, si dedica all’organizzazione di gruppi di studio e di seminari, partecipa alle iniziative dell’ISCOP - Istituto di storia contemporanea. Il suo impegno si manifesta nell’affrontare tematiche sindacali nell’ALLP – Associazione Lavoratrici Lavoratori Pesaresi e nel sindacato Unicobas nelle cui liste viene eletta rsu presso il proprio istituto. Con queste parole la ricorda Ferdinando Barbato amico e collega presso l’Istituto Comprensivo Alighieri: “Nella scuola Giancarla è stata sempre attenta alla storia personale dei ragazzi, alla loro cultura di provenienza e familiare considerata una ricchezza da cui sempre attingere per costruire percorsi educativi e di valore umano. Rigorosa nel chiedere e rispettosa dei loro tempi e delle loro individualità in uno scambio arricchente per entrambi. Di straordinaria sensibilità, sapeva capire e dialogare con i ragazzi sui bisogni della loro età divenendo un punto di riferimento”.

Dall’aspetto riservato e serio, Giancarla si è sempre dimostrata disponibile e capace di collaborare. Sapeva essere cordiale, allegra e spiritosa nei momenti conviviali con i numerosi amici e amiche che la ricordano con affetto.

Chi vuole dare un ultimo saluto a Giancarla può recarsi presso la camera mortuaria dell’Ospedale di Muraglia (Pesaro via Lombroso) fino a mercoledì 17 ottobre ore 14.30. Mercoledì alle ore 15.15 partirà il corteo di automobili dirette al Cimitero dell’Ulivo (Fano località Fenile via San Biagio) dove alle ore 16 avverrà una cerimonia laica presso la Sala del Commiato.


MCE gruppo territoriale di Pesaro
ISCOP Istituto di Storia Contemporanea
ALLP Associazione Lavoratrici Lavoratori Pesaresi
UNICOBAS scuola, Federazione provinciale di Pesaro e Urbino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-10-2018 alle 09:31 sul giornale del 16 ottobre 2018 - 5553 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Giancarla Vichi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aZp9