1° Festival della pizza Rossini: a Pesaro per scoprire il piatto più semplice e originale

pizza Rossini 14/09/2018 - Altro che la pizza all’ananas: la vera ricetta “eretica”, con ingredienti eterogenei e inediti, è quella della pizza Rossini, protagonista della prima edizione di un festival a Pesaro, dal 28 al 30 settembre.

Il principio è semplice: a una base in stile margherita vengono aggiunte, in dosi generose, uova sode e maionese. Sembrerebbe un accostamento bizzarro, eppure anche i più scettici, dopo averla provata, si convertono al “verbo” rossiniano e non ne possono più fare a meno. Lo sanno bene nella città marchigiana, dove la Rossini-mania ha conquistato tutti, passando dall’ambito musicale a quello del gusto. Da qui nasce questa scommessa: tre giorni di assaggi, show, laboratori organizzati nella centralissima Piazza del Popolo, nell’ambito delle celebrazioni per il 150esimo anniversario della morte di Rossini. L’obiettivo è fare scoprire questa ricetta a più persone possibile, una fetta dopo l’altra, e valorizzare la pizza Rossini in quanto simbolo della città. Il nome in realtà è l’omaggio a un uomo la cui fama ha davvero superato i confini di Pesaro per abbracciare il mondo intero. L’autore del Barbiere di Siviglia e di altri capolavori non l’ha certamente mai assaggiata – la pizza è stata inventata anni dopo la sua scomparsa – ma in cucina era un inventore, e amava esplorare nuovi sapori: a 37 anni smise quasi completamente di comporre sinfonie per dedicarsi alle sue ricette. Quanto alle uova con la maionese, sono un tipico antipasto francese, e Rossini visse a Parigi gli ultimi decenni della sua vita.

La festa della pizza Rossini inizia in realtà con largo anticipo: a partire dal 17 settembre i cittadini potranno votare la miglior Rossini a colazione, pranzo o cena attraverso il contest online. Tre le categorie in gara: miglior colazione – è così che molti la prediligono, da assaporare direttamente in pasticceria, al bar, in un forno – miglior merenda – la classica pizza al taglio o a spicchi, la Rossini in versione street food – e miglior cena, la “classica” rotonda da ristorante o pizzeria.

Le tre attività più votate si ritroveranno il 28, primo giorno di festival, per disputare la finale: gareggeranno servendo le migliori Rossini al pubblico che eleggerà i vincitori. Un’altra sfida culinaria sarà quella tra i campioni mondiali di preparazione della pizza, in trasferta a Pesaro, e gli chef pizzaioli campani, che realizzeranno la loro personale versione della pizza Rossini, a “tiratura limitata”, vendendola al pubblico.

Tra gli ospiti della tre giorni anche la Società Italiana Pizzaioli Napoletani e le evoluzioni aeree della Nazionale Acrobati Pizzaioli, attesa in piazza. I bambini sono i benvenuti. Per trasmettere loro la passione e i segreti del mestiere, verranno organizzati laboratori di cucina e sapori, mentre agli adulti è riservata un'intensa offerta gastronomica a base di pizza, vino e birra del territorio ed, infine, un'autentica rivisitazione della Barbajata.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-09-2018 alle 12:22 sul giornale del 15 settembre 2018 - 4346 letture

In questo articolo si parla di attualità, Pizza Rossini, Festival pizza rossini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYnf