Anna, 68enne, sopravvive con 200 euro al mese: "Ecco come ci si può nutrire bene spendendo pochissimo"

11/02/2018 - Torniamo a parlare di Anna la 68enne pesarese che a causa delle gravi condizioni di salute, in cui versano sia lei che suo marito, è costretta a campare con solo 200 euro al mese.

Ci eravamo occupati di Anna ad inizio febbraio (leggi l'articolo) quando la 68enne ci aveva inviato una lettera spiegandoci il disagio economico che vive quotidianamente a causa delle precarie condizioni di salute sue e del coniuge.

Oggi Anna, con le mani tremanti a causa della sua invalidità, è tornata a scrivere alla nostra redazione, non per "promuovere" la sua condizione di vita ma per dare una speranza alle persone in difficoltà economica sul come "ce la si può fare" almeno per il mangiare.

"Dopo un anno che sperimento su di me come mangiare bene e sano spendendo poco vorrei spiegare come si fa a tutti gli anziani con un reddito al minino". La ricetta di Anna è semplice: "comprare il pane da 1 chilo, costa meno rispetto ad una pezzatura piccola, dividerlo in tante fette e congelarlo. Poi 3 ore prima di pranzo togliere dal congelatore le fette che occorrono per la giornata. Il pane è buonissimo come appena comprato, non occorrere metterlo in forno ne usare il microonde, così si risparmia energia elettrica (a questo proposito se guardate la tv spegnete la luce della stanza in cui è ubicata) altro risparmio.

Non comprate acqua minerale in bottiglie di plastica, voi pensate che sia più buona e salutare di quellla di rubinetto. Niente di tutto questo poichè se le bottiglie non sono state conservate in un luogo congruo, cioè lontano da fonti di calore, rilasciano molecole chimiche che entrano in circolazione nella stessa acqua. Ecco come ho risolto il prolema acqua: alla sera faccio bollire l'acqua della condotta (se la vedo bella chiara) per 4 minuti in una pentola d'acciaio inossidabile e al mattino la bevo, ed è buona. Si risparmiano soldi, la fatica di portare pesi e ci guadagna l'ambiente.

Mangiate spesso ceci e fagioli aggiugendo anche un pò di scalogno sale, pepe, 2 gocce d'olio buono extra vergine. Fate spesso il minestrone va bene anche quello congelato (nei supemercati costa 3 euro circa ma ci potete fare 6 pasti) fatelo bollire con molta acqua per mezz'ora circa poi dividetelo in mono contenitori. Quando desiderate mangiarlo mettetelo in pentola ed addensatelo con molliche di pane o pane raffermo, non si deve sprecare nulla ok!.

Se desiderate mangiare un pò di carne comprate la carne macinta che costa meno dei pezzi pregiati ma ha le stesse proprietà nutritive (rosolatela con sale olio e alla fine aggiungete la spremuta di mezzo limone). Se desiderate mangiare pesce: comprate solo pesce azzurro ricco di omega 3, alici, sgombri con prezzi accessibili.

Tutto questo non interesserà, ma visto che abbiamo sul groppone 4 milioni di poveri volevo dare una speranza: ce la si può fare almeno per il mangiare".





Questo è un articolo pubblicato il 11-02-2018 alle 09:06 sul giornale del 12 febbraio 2018 - 5827 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, povertà, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRzR