Il presidente Drudi lancia le sfide 2018 della camera di commercio: lavoro, sostegno alle imprese e promozione del territorio

Drudi e Varotti 10/01/2018 - Lavoro, sostegno alle imprese e promozione del territorio: sono le priorità che daranno vita ai progetti 2018 della camera di commercio di Pesaro Urbino, dopo un 2017 che, secondo il presidente Alberto Drudi, “è stato di crescita, ma ancora troppo debole e non diffusa a tutti i settori economici della provincia”.

Parlando di lavoro e, soprattutto, della disoccupazione giovanile, Drudi ha spiegato che il ruolo dell’ente camerale è di “contribuire a creare il terreno fertile perché domanda e offerta di lavoro possano incontrarsi più facilmente, perché i giovani abbiano conoscenza e coscienza di quello che significa lavorare, perché il percorso scolastico si intersechi con un’esperienza di lavoro”. In questa direzione vanno i progetti di alternanza scuola-lavoro, “che – ha sottolineato - vogliamo siano sempre più sicuri ed efficaci, sia per gli studenti che per gli imprenditori”. Lavoro e formazione che passano attraverso una maggiore applicazione della digitalizzazione: “Troppe imprese, specie le micro, lo ritengono un processo inutile e molti giovani invece la limitano alla perfetta conoscenza del proprio cellulare – ha detto Drudi -. Al contrario, è uno dei motori dello sviluppo economico, capace di creare nuove opportunità di business e nuove competenze”. Per tutte queste ragioni la camera di commercio continuerà a lavorare con Google, con l’obiettivo di “migliorare la diffusione della rete in tutta la provincia”.

Il presidente camerale ha anche auspicato “una maggiore coscienza dell’autoimprenditorialità”, approfittando anche dello stimolo alla nascita di start up che arriva dagli uffici di Palazzo dell’Economia, dove è possibile creare una nuova impresa a costo zero e in poche ore. Accanto al lavoro, Drudi ha messo la necessità di stimolare e sostenere le imprese, con azioni concrete: si andrà avanti con i diritti camerali ridotti, con meno burocrazia e più servizi online, con progetti di internazionalizzazione (“che hanno contributo al risultato 2017 dell’export) dedicati principalmente a Federazione Russa e Cina, “Paesi ad alta potenzialità di sviluppo”, Stati Uniti, “un mercato solido e affidabile”, Vietnam e Area balcanica, che “rappresentano una scommessa con ottime possibilità di successo”.

La terza sfida del 2018 è quella legata alla valorizzazione del territorio, che significa promuovere con maggiore forza il turismo, anche attraverso progetti che migliorano la qualità ambientale. Drudi ha sottolineato le note dolenti rappresentate dalla crisi degli aeroporti di Ancona e di Fano, ha ricordato il lavoro di raccordo svolto dalla camera di commercio per la riqualificazione del porto di Pesaro e ha spiegato che sono necessari “progetti efficaci e di sistema, perché le iniziative individuali, anche se eccellenti in valore assoluto, rischiano di avere un impatto poco consistente sull’economia del territorio”. “Nell’anno dedicato a Rossini e al cibo italiano nel mondo – ha aggiunto -, musica e agroalimentare sono due eccellenti motivi per attrarre attenzione, interesse, visite, turismo, business nella nostra provincia”. Da Drudi è arrivata anche una proposta agli albergatori e agli imprenditori “perché dotino le loro strutture di colonnine elettriche, una scommessa per il futuro prossimo da vincere”.

“Il turismo e la promozione culturale sono tra le competenze residue delle camere di commercio a seguito della riforma – ha fatto notare il vice presidente Amerigo Varotti – e fare promozione turistica, dei beni culturali e dell’enogastronomia in Italia e all’estero è possibile solo se realizzata in collaborazione con Regione o altre istituzioni: per queste ragioni, forte sarà la collaborazione con la Regione Marche, anche per sostenere iniziative da realizzarsi in Paesi dai quali, dalla prossima estate, saranno attivi voli sull’aeroporto di Falconara (Lettonia, Lituania e Ucraina). Realizzeremo un evento promozionale a Roma, incentrato sulle celebrazioni di Rossini e Raffaello, un altro a Torino e parteciperemo, nel mese di dicembre a Milano, all’Artigiano in Fiera, principalmente per promuovere e valorizzare i nostri prodotti dell’enogastronomia. Inoltre, è prevista la realizzazione di un educational tour con agenzie di viaggio provenienti dalla regione russa dello Sverdlosk”.

Non è mancato, infine, un riferimento alla camera di commercio unica regionale e alle tre aziende speciali, una delle quali prevista a Pesaro e dedicata a arredamento e meccanica: “Si tratta della formula che più si adatta alle caratteristiche della nostra regione – ha concluso il presidente Drudi – e mi auguro che questo governo, o nella peggiore delle ipotesi il prossimo, la portino a termine senza modifiche”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-01-2018 alle 12:28 sul giornale del 11 gennaio 2018 - 770 letture

In questo articolo si parla di economia, pesaro, pesaro e urbino, camera di commercio di pesaro e urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQxO