Rifiuti, il Comune di Gradara guarda al futuro

Comune di Gradara 09/01/2018 - Per una nuova concezione nella gestione dei rifiuti urbani.

E' ormai consuetudine parlare di rifiuti non solo in termini di smaltimento ma considerando il tema in maniera più ampia in una logica di miglioramento continuo del sistema che tenda verso politiche ambientali sostenibili: “L'impegno messo in campo in questo anno e mezzo di mandato ha visto lavorare l’Amministrazione Comunale di Gradara su diversi campi alla ricerca di una possibile alternativa all'attuale gestione di raccolta rifiuti. – dichiara Arianna Denti, Assessore all'Ambiente del Comune di Gradara – L’attuale modalità di raccolta di prossimità infatti funziona in maniera discreta grazie all'ottima collaborazione con l'Azienda MMS nei confronti della quale ci si è adoperati in modo continuativo per sollecitare un incremento dei sistemi di controllo sui rifiuti e sanzioni verso i trasgressori. Ma è oggettivo che l’attuale sistema di raccolta di prossimità presenta delle criticità, soprattutto relativamente alla scarsa pulizia delle isole ecologiche spesso oggetto di fenomeni di abbandono; pone purtroppo dei limiti che non ci consentono attualmente di eccellere L'esplorazione di soluzioni innovative che portino finalmente al raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata e di recupero della materia indicati dalla normativa nazionale ed europea ha spinto il Comune di Gradara verso la conoscenza di nuove realtà che da ormai diversi anni hanno individuato percorsi di raccolta estremamente efficaci. Nasce così la collaborazione con la società E.S.P.E.R. Srl (Ente di Studio per la Pianificazione Ecosostenibile dei Rifiuti) un Ente di ricerca che, grazie alle professionalità messe in campo in ambito nazionale, svolge attività esclusivamente a favore di Enti pubblici. Queste riguardano in particolare la redazione di Piani e Programmi a supporto delle procedure di Valutazione Ambientale Strategica, la redazione di studi e ricerche nel campo della riduzione e gestione dei Rifiuti Urbani e la progettazione di servizi di raccolta differenziata dei rifiuti".

“Bisogna riconoscere gli sforzi avviati in questi anni anche dall'amministrazione che ci ha preceduto, ma questo purtroppo come vediamo non è bastato - aggiunge il Sindaco Filippo Gasperi – per questo motivo vogliamo intraprendere un nuovo modello che ci consenta di stimolare comportamenti virtuosi da parte dei cittadini e di premiarli con una bolletta meno pesante, nel pieno rispetto e tutela del nostro territorio”.

Lo studio da parte di ESPER prevede infatti la progettazione di un servizio di igiene urbana propedeutico all'applicazione della tariffa puntuale, mettendo in atto un modello di raccolta porta a porta, esteso ad ogni frazione di rifiuto, e capace di monitorare la produzione di ogni singola utenza. La Tariffazione Puntuale, oggi adottata da molti comuni virtuosi in Italia e in Europa, applica infatti il principio "più differenzi, meno paghi" e consentirà in futuro, a tutte le utenze domestiche e non domestiche, di pagare per il servizio effettivamente erogato e per la reale produzione di rifiuti indifferenziati.

Possiamo parlare quindi di una rivoluzione? “Forse si, per qualcuno lo sarà - risponde il Sindaco Gasperi – certo cambierà il modo di rapportarsi con ciò che buttiamo, ma tengo a precisare che ogni fase sarà opportunamente condivisa con i cittadini, con le imprese interessate e concertata ovviamente con il gestore del servizio. Penso sia il momento di imboccare con decisione nuove strade non solo perchè viviamo in un paese splendido che ci impone logiche di conservazione e tutela ma anche perchè è nostro dovere lasciare alle future generazioni la possibilità di vivere in un contesto ecosostenibile” .





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-01-2018 alle 16:15 sul giornale del 10 gennaio 2018 - 1792 letture

In questo articolo si parla di attualità, gradara, comune di gradara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQwt