Il disegno della città educante. Anche Pesaro splendida cavia inconsapevole

07/12/2017 - Dall’uscita del volume “La città educante. Manifesto della educazione diffusa.Asterios edizioni Trieste 2017)” scritto con il Prof Paolo Mottana docente di filosofia dell’educazione della Bicocca di Milano che ha generato tanto interesse e suscitato le prime rivoluzionarie sperimentazioni toccando le città di Milano, Monza, Genova, Cosenza, Urbino, Pesaro, Cattolica, Recanati, Fano e tanti altri luoghi prosegue la ricerca e si approfondiscono le proposte anche a livello di architettura urbana.

Anche Pesaro è stata presa come modello in contumacia per una sperimentazione “In vitro” della città educante. Di seguito alcune riflessioni aggiornate che si potranno trovare presto diffusamente approfondite ne “Il disegno della città educante”.

L' idea di scuola senza mura, nata a perire dal 2007 tra Pesaro e Urbino e fondata anche sulla controeducazione (Piccolo Manuale di cntroeducazione, Paolo Mottana Mmesis edizioni Milano 2011) tende progressivamente a fare a meno di edifici e reclusori scolastici dedicati, a fare a meno dell’edilizia scolastica in favore della città educante che fa dei suoi luoghi collettivi ed aperti, pubblici e privati che siano, degli spazi per educare, insegnare, apprendere. Il mercato vorrebbe costruire altre scuole e investire in cemento, mattoni, legno…tutto più o meno eco. Numerose joint venture tra pedagogisti, architetti e produttori di arredi scolastici sono omogenee a questa visione liberista e fanno di tutto per teorizzare “spazi che insegnano”, “ambienti di apprendimento” aperti ma sempre delimitati e architetture pedagogiche, sostenendo a spada tratta che si debbano progettare e costruire ancora edifici scolastici. Fanno di tutto per trasformare aule in non meglio identificati spazi di apprendimento che non sono altro che un imbellettamento dei vecchi ambiti con arredi new age e tecno, con spostamenti di banchi e sedie, piccoli soggiorni pedagogici, cucinini studenteschi e cromatismo a gogo.

La “scuola diffusa” non sono tanti edifici diffusi per il territorio, non sono un insieme di aule moderniste ma pur sempre aule. La scuola e l’educazione diffusa non sono i kit dell’IKEA che dopo le casette fai da te, agli uffici fai da te, pensa anche alle scuole fai da te. La scuola diffusa fa parte di una idea realmente rivoluzionaria dell’educazione e dei suoi luoghi, un’idea che non può che contestare e criticare decisamente chi invece vuole agire ancora come ai tempi di Papini. Tranquilli: gli architetti avranno ancora da fare, forse di più e meglio, agendo nel disegno della città, individuando ed esaltando virtù educative in tanti spazi e manufatti urbani, trasformandoli e arricchendoli. E anche gli educatori avranno da fare, forse molto, molto di più.

Prosegue per questo il lavoro di scrittura del manuale dedicato al ridisegno delle città in funzione educante, un volume che completa il Manifesto della educazione diffusa in chiave architettonica ed urbana. Non si può realizzare la scuola diffusa senza prevedere una rivoluzione nei luoghi della città che la debbono rendere efficace e fungere da teatri per la sua vita quotidiana. Le esperienze che si stanno avviando in Italia sono molto creative e stimolanti, pur dovendo fare a meno, per il momento, di uno scenario urbano adatto. Si moltiplicano le occasioni di uscire dalle aule scolastiche ma, ahinoi, si deve ad un certo punto inesorabilmente rientrarvi. Se non si identificano, trasformano e rivoluzionano i luoghi della città che potrebbero fare da scenari per ospitare l'educazione diffusa, temo che il nostro Manifesto possa restare ancora per molto sulla carta. Bisogna convincere e vincere le resistenze dell'apparato politico, scolastico e amministrativo e "costringerlo" in qualche modo a fare dei passi significativi verso la direzione di una città che educa.

Se da una parte si insiste pervicacemente sull'aria fritta e sull'idea ancora mercantile e classificatoria della Buona scuola e dall'altra, come splendidi carbonari, si fanno esperimenti di educazione diffusa e progetti decisamente rivoluzionari, spesso con rischio di predazione e strumentalizzazione da parte di certa politica da folla manzoniana ma di dubbia valenza libertaria, le strade rimarranno divergenti e vincerà ancora quella falsamente innovativa delle tre "i" e delle tre "c" (inglese, informatica e impresa; conoscenze, competenze e capacità). Quando siamo stati ospitati, raramente, in qualche consesso istituzionale, per illustrare il nostro Manifesto si aveva la forte impressione di essere gli eccentrici fricchettoni di turno che facevano audience e stimolavano la curiosità per un attimo di divagazione dalle cose "serie". Occorre infiltrarsi e contaminare attraverso progetti e interventi sempre più frequenti, reali e diffusi gli spazi lasciati liberi e contemporaneamente ma decisamente agire per trasformare la città, contrastando la costruzione di nuovi reclusori scolastici a favore della realizzazione dei portali della città educante e della trasformazione degli spazi che hanno in nuce la vocazione alla controeducazione come le piazze, le strade, le biblioteche, i musei, i teatri, le botteghe.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-12-2017 alle 05:03 sul giornale del 09 dicembre 2017 - 1413 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Giuseppe Campagnoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPFr