Confartigianato Trasporti: Federica Bartolomeoli di Vallefoglia eletta Vice Presidente regionale

Confartigianato Trasporti: Federica Bartolomeoli di Vallefoglia eletta Vice Presidente regionale 06/12/2017 - Una giovane pesarese al vertice dell'Autotrasporto Marchigiano.

Confartigianato Trasporti Marche ha tenuto la sua assemblea regionale con il rinnovo del direttivo che ha eletto il nuovo gruppo dirigente.

Federica Bartolomeoli, 31 anni, contitolare della ditta Autotrasporti Bartolomeoli srl – Vallefoglia PU che gestisce circa 20 TIR nei trasporti nazionali, è stata nominata Vice Presidente di Confartigianato Trasporti Marche, il sindacato degli autotrasportatori che rappresenta 1.600 aziende delle 2.700 imprese artigiane rappresentando il territorio di Pesaro.

Federica Bartolomeoli era già stata nominata nel febbraio scorso dirigente di Confartigianato Trasporti in occasione del congresso tenutosi proprio a Pesaro al quale hanno partecipato circa 200 autotrasportatori.

Elvio Marzocchi è stato confermato Presidente regionale mentre sono stati eletti Moreno Cupido per il territorio di Ancona e Loenidha Llannj per il territorio di Macerata. I lavori congressuali, aperti dal presidente uscente Cav. Elvio Marzocchi, dopo l’insediamento del nuovo direttivo regionale, con l'inserimento di nuovi componenti ed una rappresentante delle imprenditrici, (un segno importante della partecipazione nella categoria delle rappresentanza femminile).

Confartigianato Trasporti Marche prende atto con rammarico della forte riduzione delle imprese del settore che dalle 5.000 aziende del 2007 registra oggi oltre 3.500 imprese (Artigiane ed industriali) ciò causato sia dalla pesante crisi che dalla ristrutturazione del settore. Importante è comunque la tenuta del movimento consortile che vede tutt’ora presenti circa 25 fra cooperative e consorzi con 900 imprese associate (solo le prime 12 contano 700 aziende) che gestiscono quasi 1.500 automezzi medi-pesanti e la crescita delle aziende che si strutturano e sviluppano forme di collaborazione necessarie per erogare servizi di qualità e risposte adeguate al sistema produttivo ed industriale.

Anche il territorio pesarese, con le sue 1.000 aziende, vede la presenza di importanti forme associative e di imprese strutturate che operano anche in campo internazionale connettendo la regione all’Europa.

Il nuovo direttivo ha stabilito le principali attività sindacali che dovranno essere realizzate per sostenere la categoria ed in particolare battersi per mantenere le risorse destinate al settore, per contenere i costi di esercizio e reprimere i fenomeni di abusivismo a partire da quelli commessi dai vettori provenienti dall’est europa sul cabotaggio illegale e sul divieto dei riposi lunghi in cabina; per impedire i divieti di circolazione per i Tir in caso di presunte nevicate o nevicate normali, quando invece con la pulizia delle autostrade, è possibile evitare i blocchi anche delle strade statali e delle città che subiscono il dirottamento totale degli automezzi, ottenere parità di trattamento previdenzale fra conducenti di veicoli adibiti al trasporto persone e di merci (siano essi dipendenti che Imprenditori) in materia di lavori usuranti o di lavori gravosi (Ape Social) nonché per le deduzioni riconosciute nel trasporto internazionale.

Confartigianato si batterà per il completamento delle Infrastrutture: per lo sviluppo del Porto di Ancona, dell’Interporto, la rete viabilistica (trasversali, Fano Grosseto, Pedemontana…), uscita dal porto, ….;





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2017 alle 05:59 sul giornale del 07 dicembre 2017 - 2252 letture

In questo articolo si parla di attualità, confartigianato, urbino, pesaro, confartigianato trasporti, confartigianato pesaro e urbino, vallefoglia, Federica Bartolomeoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPFa