Mengucci: “Il REI non è solo un contributo, ma una integrazione al reddito”

assessore comunale alla solidarietà Sara Mengucci 05/12/2017 - Consistente anche a Pesaro, come in tante città italiane, il numero di persone che si sono presentate allo sportello per la domanda del reddito di inclusione.

Anche a Pesaro ieri, come in tante altre città italiane, il numero di persone che si sono presentate allo sportello per presentare la domanda del reddito di inclusione (Rei) - per un valore minimo di € 187,5 fino a un massimo di € 485,40 al mese, per 18 mesi - è stato molto consistente.

L’assessore comunale alla solidarietà Sara Mengucci ci tiene a precisare alcuni aspetti: “Il REI non è solo un contributo, ma una integrazione al reddito e non è possibile classificarlo come pochi spiccioli. Si tratta di quelle risorse necessarie per una famiglia per rimpinguare il proprio reddito e iniziare un percorso per uscire da uno stato di indigenza. Per questo diventa fondamentale, oltre al sostegno economico, anche il progetto personalizzato per il reinserimento e l’inclusione sociale. Questa visione globale che vede nella persona in difficoltà il protagonista principale per ritrovare una propria autonomia è il segno di una città attenta alla dignità delle persone più fragili. Per raggiungere tale obiettivo si sta rafforzando la rete di collaborazione con tutti i soggetti istituzionali e non del nostro territorio: la prossima settimana è previsto un incontro con il Centro per l’Impiego (CIOF), mentre prosegue la stretta collaborazione con la Caritas Diocesana.

“Ricordo - prosegue l’assessore -, che il Comune di Pesaro e l’Ats n. 1 hanno anche altri strumenti per rispondere a situazioni di disagio e povertà come il fondo anticrisi, il bando, pubblicato in questi giorni, per il sostegno ai disabili gravissimi o la Legge regionale 30 a sostegno della famiglia uscita nel luglio/agosto 2017”.

Rispetto all’organizzazione del servizio, il coordinatore dell’Ats n. 1 Roberto Drago ripercorre le ultime settimane: “Il 31 ottobre sono terminate le domande al SIA (Sostegno di Inclusione attiva, oggi sostituito dal REI). In attesa dell’apertura delle domande REI, fissato al 1° dicembre, l’Ats n. 1 ha continuato a 2 tenere aperti due punti informativi e di sostegno a Pesaro (almeno 30 presenze ad apertura) e a Pian del Bruscolo, sul REI. Abbiamo cercato di informare le persone che per il REI non è necessario arrivare primi e quindi usufruire degli sportelli di inclusione senza alcuna fretta. Nonostante questo ieri si sono presentate al Comune di Pesaro tantissime persone e stiamo lavorando per alcuni accorgimenti: per giovedì mattina e pomeriggio, prossimi giorni di apertura dello sportello, gli spazi saranno ancora più idonei e attenti ai bisogni delle persone. I colloqui con le assistenti sociali sono stati comunque svolti nella riservatezza e garantendo la privacy. Ricordo che nell’Ats n. 1 sono aperti tre sportelli inclusione: Pesaro (lunedì e giovedì mattina e giovedì pomeriggio), Pian del Bruscolo (mercoledì e giovedì mattina) e Gabicce Mare (mercoledì mattina). Oltre agli spazi aperti al pubblico le nostre assistenti sociali, che ringraziamo per la professionalità con cui stanno sostenendo un percorso così complesso, incontrano su appuntamento le persone che rientreranno nel REI per impostare il progetto personalizzato”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2017 alle 20:04 sul giornale del 06 dicembre 2017 - 1348 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Comune di Pesaro, sara mengucci, assessore comunale alla solidarietà

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPCG