Vuelle battuta anche dalla Virtus al torneo di Parma

11/09/2017 - Altra sconfitta per la VL Pesaro al Memorial Bertolazzi di Parma. Dopo aver ceduto le armi contro i russi del Saratov, stavolta i biancorossi sono stati castigati dalla storica avversaria Virtus Bologna, che ha chiuso la gara a suo favore con il punteggio di 86-77, aggiudicandosi il terzo posto nel torneo.

Sempre avanti i bianconeri per quasi tutta la partita, con la band di coach Leka costantemente ad inseguire gli avversari, anche se stavolta non è mai crollata di schianto come invece era successo nel terzo quarto di gioco contro i russi.

Chiuso il primo quarto sotto di appena 3 punti (19-22), i biancorossi sono arrivati all’intervallo lungo con soli 6 punti di svantaggio (41-47), nonostante l’evidente stanchezza fisica di tutto il roster, dovuta anche all’assenza del centro Mika, tenuto per precauzione a riposo, e quindi all’esiguità delle rotazioni disponibili.

Eppure al rientro sul campo la Vuelle rialza orgogliosamente la testa, si batte faccia a faccia con i bianconeri lottando duro in difesa e ricuce lo svantaggio, portandosi anche avanti nel punteggio sul 60-56 al 29’ con tre canestri di fila di Pablo Bertone. Ma la Virtus risponde con due entrate fulminee a canestro di Lawson e Rosselli, chiudendo il terzo quarto in parità sul punteggio di 60-60.

L’ultima frazione di gioco vede però un evidente calo fisico dei biancorossi, che non ce la fanno più a rispondere colpo su colpo agli avversari. Così la Virtus, trascinata da Umeh e Ndoja in attacco, piazza un parziale di 10-3 a suo favore (63-70 al 34’) che chiude di fatto l’esito dell’incontro, rendendo vani i ripetuti tentativi della Vuelle di rientrare in partita.

Nonostante la sconfitta subìta, sono risultate comunque abbastanza buone le prestazioni di tutta la band di coach Leka, in particolare quelle di Omogbo e Ceron, che hanno lottato con grande impegno sotto le plance per tutta la gara, ed anche quelle degli esterni Moore e Bertone, che hanno guidato la rimonta dei biancorossi nel terzo quarto ed hanno provato fino all’ultimo minuto di gioco a rovesciare l’esito della sfida giocando con efficacia in attacco.

Quattro i biancorossi in doppia cifra, e cioè Omogbo con 22 punti, Irvin con 14, Moore con 13 e Bertone con 12: segno evidente che questa Vuelle è una formazione che gioca puntando soprattutto sul collettivo, non potendosi affidare ad un vero leader in campo. Ma questo può anche essere un connotato da leggersi in positivo: tutti per uno è meglio di uno per tutti…

Fra i bianconeri di coach Ramagli hanno brillato soprattutto Umeh e Ndoja in fase offensiva, mentre Lawson e Rosselli si sono fatti valere sotto canestro per il loro atletismo e la loro reattività a rimbalzo.

E da domani tutti di nuovo in palestra a lavorare duramente, per poter affrontare al meglio della forma fisica l’esordio in campionato. Coach Ramagli l’ha chiamata “la settimana della morte” quella del massimo carico atletico che attende i suoi.

SEGAFREDO BOLOGNA: 86 – VL PESARO: 77

Segafredo Bologna: Umeh 20, Petrovic 3, Ndoja 9, Rosselli 12, Lafajette 6, Gentile 7, Lawson 19, Slaughter 10.

VL Pesaro: Omogbo 22, Ceron 9, Irvin 14, Moore 13, Ancelotti 4, Bertone 12, Monaldi 3, Serpilli, Mika n.e.





Questo è un articolo pubblicato il 11-09-2017 alle 08:11 sul giornale del 12 settembre 2017 - 1659 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, vivere pesaro, sport pesaro, vuelle, Alberto Pisani, articolo, consultinvest pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMS4





logoEV