Soccorso in mare, pomeriggio intenso per la Guardia Costiera

motovedetta|guardia costiera di pesaro| 11/08/2017 - Nel primo pomeriggio di ieri, la Guardia Costiera di Pesaro ha condotto due distinte operazioni di ricerca e soccorso nel settore nord dell’area marittima di giurisdizione.

Alle ore 14:00 è pervenuta da parte del Responsabile del Servizio di Salvataggio delle spiagge libere del Comune di Gabicce Mare una comunicazione telefonica alla Sala Operativa della Guardia Costiera di Pesaro, relativa ad un’avaria al motore occorsa ad una imbarcazione da diporto partita da Riccione, con nove persone a bordo, tra cui anche dei bambini. L’unità in questione, per evitare di avvicinarsi pericolosamente alle scogliere, aveva già gettato l’ancora ma il repentino peggioramento delle condizioni meteo marine avrebbe potuto determinare una situazione di grave pericolo per l’incolumità delle persone presenti a bordo.

Immediatamente si è disposta l’uscita della motovedetta S.A.R. (acronimo di Search and Rescue – Ricerca e Soccorso) C.P. 872 che, giunta in zona, ha provveduto, anche grazie alla collaborazione prestata dall’unità della Associazione “Nemo Salvataggio”, al trasbordo di sette passeggeri sulla Motovedetta, per il successivo accompagnamento presso la banchina del porto di Gabicce Mare, dove era stato già allertato il personale militare dell’Ufficio Locale Marittimo per prestare assistenza.

Successivamente l’unità della Guardia Costiera ha ripreso il largo, per tornare all’imbarcazione dove erano rimasti i proprietari per tentare di rimettere in moto il motore. Dopo numerosi tentativi il motore è ripartito e quindi l’unità ha fatto rientro in sicurezza nel porto di Cattolica.

Terminata la prima operazione di soccorso, nella fase di rientro nel porto di Pesaro, la motovedetta C.P. 872 è stata inviata dalla Sala Operativa al traverso del porticciolo turistico di Baia Vallugola dove, a circa un miglio dalla costa, un altro natante da diporto si trovava in difficoltà. Le tre persone presenti a bordo dell’imbarcazione a vela non riuscivano più a governare e manovrare le vele a causa delle forti raffiche di vento ed avevano richiesto assistenza.

Il personale della Motovedetta, individuati e raggiunti i diportisti, ha fornito istruzioni utili all’equipaggio in modo tale da consentire la ripresa della navigazione.

La Guardia Costiera di Pesaro raccomanda la massima prudenza nell'approcciarsi al mare e soprattutto di controllare lo stato di efficienza della propria unità, il possesso di tutte le dotazioni prescritte per il tipo di navigazione e di effettuare sempre la preventiva consultazione dei bollettini meteo.





Questo è un articolo pubblicato il 11-08-2017 alle 16:08 sul giornale del 12 agosto 2017 - 3106 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, motovedetta, guardia costiera di pesaro, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aL9T