Esistono davvero buoni motivi per non investire?

20/07/2017 - Troppo spesso utilizziamo delle scuse che ci portano a non risparmiare e a non investire. Ma non ci rendiamo conto che queste scuse provocheranno danni in futuro, perdendo l’opportunità di accumulare somme necessarie a soddisfare i nostri bisogni futuri.

In questo articolo cerchiamo di smascherare le scuse più ricorrenti che mettiamo in atto per evitare o posticipare i nostri investimenti.

Non ho abbastanza soldi: se crediamo che sia necessario disporre di grandi patrimoni commettiamo un errore. Esistono prodotti finanziari accessibili, che a partire anche da piccole somme, magari investite periodicamente, ci permettono di avere a disposizione un capitale rivalutato da spendere in futuro.

Manca il tempo: una delle scuse più comuni è quella di ritenere che investire possa portarci via gran parte del nostro prezioso tempo. Ma il tempo necessario ad incontrare un consulente finanziario per pianificare assieme i propri investimenti e monitorarne l’andamento è davvero minimo. Mettere ordine alle nostre finanze ed alle esigenze è buona cosa vista la serenità che potremmo riceverne durante la nostra vita.

Non voglio perdere soldi: nessuno di noi vuole subire perdite; ma se decidiamo di non investire e quindi teniamo fermi i risparmi sul conto corrente, è l’inflazione che ci fa perdere soldi, riducendo inevitabilmente il nostro potere d’acquisto. Esistono delle conoscenze tecniche per ridurre al minimo le probabilità di avere rendimenti negativi, come ad esempio adottando una buona diversificazione degli investimenti.

Non ho le conoscenze tecniche: è una della ragioni che ci scoraggia. Investire sui mercati finanziari non è certamente facile; ma utilizzando ad esempio in fondi comuni, i nostri risparmi vengono affidati ad un team di esperti gestori, che quotidianamente può compiere scelte a nostro vantaggio. Anche la figura di un buon consulente finanziario è importante, per poter analizzare e consigliare i prodotti finanziari migliori e anche per monitorarne costantemente l’andamento.

Ci penserò quando avrò uno stipendio maggiore: ritardare l’investimento non è una scelta proficua. Iniziare il prima possibile, anche con piccole somme, non solo richiede un minor sacrificio economico, ma consente anche di poter ottenere un rendimento maggiore nel tempo rispetto ad una cifra più elevata ma rimandata nel tempo.

La finanza è solo speculazione: alcuni di noi credono che investire sia solo un modo per speculare. Non è sempre vero perché è possibile indirizzare i risparmi verso l’economia reale al fine di creare benessere nella società. Oltretutto esistono dei prodotti, appartenenti alla finanza etica, che oltre a generare un rendimento, contribuiscono al miglioramento della società stessa.


da dott. Bannini Alessandro
Consulente Finanziario Copernico SIM





Questo è un articolo pubblicato il 20-07-2017 alle 09:39 sul giornale del 21 luglio 2017 - 995 letture

In questo articolo si parla di economia, pesaro, risparmi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLp2

Leggi gli altri articoli della rubrica Vivere Pesaro-Investire Informati