Eventi pubblici, Roberta Crescentini: "La sicurezza prima di tutto"

Roberta Crescentini 15/07/2017 - Nonostante le giuste sollecitazioni da parte del Prefetto per il rispetto delle nuove regole in materia di sicurezza per gli eventi pubblici, questa amministrazione continua imperterrita a seguire la linea dell'improvvisazione, sperando nella fortuna che fino a questo momento l'ha assistita nell'evitare disgrazie.

Prova ne è l'evento di apertura della manifestazione Popsophia che è stato gestito in spregio alle più elementari norme di sicurezza, anche precedenti all'inasprimento delle regole. All'interno di Rocca Costanza più di mille persone oltre a quelle che sostavano nella principale via di eventuale fuga, il ponte di collegamento con la strada. Benissimo le iniziative culturali all'interno di luoghi cari ai pesaresi ma mai, mai mettendo a rischio la sicurezza dei cittadini.

La grande partecipazione era prevedibile e prevista visto anche la novità dei crediti formativi per gli insegnanti, sarebbe stato quindi meglio, almeno per la prima serata spostare l'evento in Piazza del Popolo.

Ma il prefetto era al corrente dell'elevata affluenza di pubblico, come succede sempre ogni anno? I membri della Commissione di Vigilanza di Pubblico Spettacolo erano consapevoli dei rischi ai quali espongono gli spettatori essendo le uscite di sicurezza praticamente inutilizzabili a causa del flusso delle persone all'ingresso principale e dell'angusta seconda uscita di sicurezza sotterranea? I Vigili del Fuoco e le persone incaricate della sicurezza erano consapevoli della situazione di pericolo in caso di emergenza? Oppure come solito questa amministrazione sempre pronta a pubblicizzare eventi si dimentica di informare in maniera corretta gli enti preposti.

Sembra esistere un trattamento di favore verso gli eventi organizzati da questa amministrazione da parte di chi li deve regolamentare e controllare, come era già successo per la celebrazione della Festa dello Sport dentro il vecchio palazzetto di Via dei Partigiani. Tutto è permesso, tutto concesso fino a quando non ci scappa il morto. Non vogliamo essere menagrami ma prudenti, per il bene dei cittadini, come lo dovrebbero essere tutti i buoni amministratori.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-07-2017 alle 11:38 sul giornale del 16 luglio 2017 - 2265 letture

In questo articolo si parla di politica, pesaro, roberta crescentini, siamo pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLgQ





logoEV