Bambini e donne da tutelare sempre e comunque

mamma con bimbo 1' di lettura 20/06/2017 - In Italia, ormai, andiamo verso i 2000 orfani da femminicidio, traditi prima dai propri cari, dopo dallo stato perché abbandonati alla disponibilità di nonni e parenti, quando ci sono e quando possono, lo stato oltre a non aver tutelato l'incolumità delle madri, dopo se ne lava le mani.

I parenti vanno supportati in tutti i campi, ma almeno noi denunciamo subito, avvertiamo i genitori, i fratelli, le sorelle quando veniamo a conoscenza di convivenze o rapporti a rischio, non lasciamo sole le donne di fronte alla prepotenza dei maschi, italici o stranieri che siano, spinti dalla gelosia o da una errata interpretazione del concetto di integrazione nella nuova realtà nella quale si è deciso di vivere, fidanzati, compagni, mariti, padri o fratelli che siano fermiamo questo stillicidio di notizie orribili.

E poi i bambini, nemmeno di fronte a loro la bestialità di tanti uomini arretra, no, i bambini non si devono toccare né devono assistere a tanto orrore. Non dimostriamo solo stupore o sofferenza, quando apprendiamo notizie simili dai telegiornali, diamo il nostro contributo prima che accada l'irreparabile. Io lo dico da sempre che dobbiamo metterci la faccia e sporcarci le mani anche rischiando in prima persona.

Fondamentale è anche il ruolo delle istituzioni cioè di chi deve provvedere alla nostra sicurezza, troppi provvedimenti non trovano pronti gli strumenti che diano loro vigore e sostanza. Se vieti ad un tizio, che mette a rischio l'incolumità di una donna, di avvicinarla, poi devi fare anche in modo che ciò non accada altrimenti vieni meno alla tua funzione e non onori le tue decisioni!

A presto!






Questo è un articolo pubblicato il 20-06-2017 alle 09:07 sul giornale del 21 giugno 2017 - 1093 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, vivere pesaro, notizie pesaro, femminicidio, Francesco Taronna, il punto, articolo, mamma con bimbo, stato italiano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aKuj

Leggi gli altri articoli della rubrica Il punto......