Studenti e corsisti dell'Università di Urbino visitano la Guardia Costiera di Pesaro

Studenti e corsisti dell'Università di Urbino visitano la Guardia Costiera di Pesaro 18/05/2017 - Mercoledì 17 maggio una rappresentanza di studenti e corsisti dell’Università di Urbino – Scienze Biologiche, Indirizzo Naturalistico – accompagnata dalla Professoressa Antonella PENNA del Dipartimento di Scienze Biomolecolari, ha trascorso un’intera giornata lavorativa presso la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Pesaro.

L’occasione è stata assai utile per studenti e corsisti per approfondire le funzioni assolte, sul territorio, dal Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, alle dipendenze principalmente di tre Ministeri: “Infrastrutture e Trasporti”, “Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare”, “Politiche Agricole Alimentari e Forestali”.

Di particolare interesse per visitatori, ovviamente, le funzioni in un vasto campo ambientale, articolate e trasversali a tutte le attività marittime e costiere, sia operative che di polizia anche con poteri di regolamentazione, fondate su un’impalcatura normativa internazionale, comunitaria, nazionale che ha voluto affidare l’attuazione di numerose linee di azione alla Guardia Costiera - se ne sono contate più di venti - : dalla prevenzione al contrasto degli inquinamenti marino-costieri di qualunque provenienza, agli standard ambientali della navigazione, dell’approvvigionamento energetico da impianti costieri e “off shore”, dal ciclo dei rifiuti agli impatti delle opere marittime e portuali, dalla sorveglianza delle zone sottoposte a regime di protezione alla salvaguardia delle specie marine anche protette ed in via di estinzione e di quelle ittiche.

Numerosi gli interventi degli studenti che sono stati particolarmente attratti dalla carriera degli uomini e delle donne della Guardia Costiera, dalle esperienze sul territorio partecipate dal Comandante della Capitaneria Silvestro GIRGENTI e dai suoi collaboratori, anche con riguardo al supporto logistico-operativo alla locale campagna di monitoraggio della qualità delle acque marine, nonché a quella riconnessa ai traguardi imposti dalle norme comunitarie sulla strategia marina condotte dall’ARPAM. I Comandanti delle Motovedette della Guardia Costiera di Pesaro hanno illustrato, inoltre, l’attività periodica assolta dai mezzi nautici, proprio anche nel giorno della visita, per necessità di vigilanza delle attività in mare e di addestramento.

Al termine dell’intensa giornata, i visitatori e l’Autorità ospitante si sono dati appuntamento per occasioni di approfondimento, come nel passato avvenuto, per workshop tematici già tenuti nella sede di “Pesaro Studi” dove trova collocazione anche un laboratorio ambientale dell’Università, per mettere a frutto i numerosissimi punti di contiguità tra attività di studio/ricerca scientifica assolta dal prestigioso Ateneo e quella operativa, di regolamentazione e di polizia curata dalla Guardia Costiera.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2017 alle 08:00 sul giornale del 19 maggio 2017 - 1103 letture

In questo articolo si parla di attualità, capitaneria di porto, studenti, pesaro, università di urbino, guardia costiera, guardia costiera pesaro, Capitaneria di Porto Pesaro, guardia costiera di pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJs5





logoEV