Per il cittadino è valida la nostra sanità pubblica?

sanità generico 2' di lettura 07/05/2017 - Michele Graziano Giua, attuale presidente del Lions Club Pesaro Host, ormai prossimo a passare il testimone al subentrante presidente Alessandro Scala, da tempo con solerzia impegnato, quale responsabile locale del Tribunale per la tutela del malato, rete storica dell' Associazione Cittadinanza attiva Onlus, non poteva prescindere, prima di completare il proprio mandato di vertice lionistico, d’invitare, in un meeting il dott. Tonino Aceti, responsabile nazionale del T.d.m., un attivissimo trentasettenne di gran competenza e passione, in questo specifico ambito, per fornire in merito gli adeguati ragguagli a tutti i soci.

Il presidente Giua ha precisato che, negli ultimi 35 anni, al riguardo, sono stati apportati sensibili miglioramenti, ma l’intento è di costantemente vigilare e proseguire in questa benemerita attività.

Ha preso la parola, in avvio, l’avv. Luca Garbugli, responsabile locale di Cittadinanza attiva che ha portato il saluto di tale Assemblea, auspicando una sempre maggiore collaborazione da parte delle Istituzioni pubbliche. L'oratore Aceti ha riferito che il T.d.m., dotato attualmente di 336 sedi, è nato, nel 1980, con lo scopo di guidare un processo d’implementazione del Servizio Sanitario Pubblico nel nostro paese, contrastando quanto non era a favore del paziente, ma tendeva a privilegiare altri interessi. Il nostro Tribunale sin dal suo sorgere è stato costantemente assai vicino a tale Servizio, con la convinzione che esso non rappresenti un costo insostenibile per la società, bensì un investimento. È un patrimonio non comune, pressoché l'unico rimasto in Europa.

Due eminenti figure Sergio Mattarella e Giovanni Berlinguer hanno appoggiato la mission del T.d.m., contribuendo, nel 1981, alla stesura della prima Carta dei 33 diritti del cittadino malato. Detto Tribunale grazie al suo costruttivo operato è stato insignito, nel 2006, della medaglia d'oro al merito della sanità pubblica. Se all'inizio le nostre sezioni erano all'interno degli Ospedali, attualmente considerata la loro piuttosto frequente chiusura, si vanno spostando nei Distretti. Ogni anno è redatto un rapporto nazionale sullo stato di salute del S.S.N. con le segnalazioni pervenute dai cittadini. La maggiore difficoltà è assicurare un corretto accesso alle necessità di salute delle persone che attualmente non è sempre garantito. Nel 2011 è stata introdotta transitoriamente una tassa sulla salute, definita super ticket, del tutto assurda, ancora non rimossa, che ha indotto alcuni pazienti a rivolgersi alla sanità privata. Quest'anno vi è stato un notevole calo delle vaccinazioni, si deve sempre porre al centro l'esperienza, l'evidenza della scienza.

Nonostante alcuni difetti, molti sono i pregi del nostro S.S.N. che ci contraddistingue e ci rende, senza dubbio, un paese più civile di tanti altri.



Didascalia foto, da sinistra: il presidente Michele Graziano Giua e l'oratore dott. Tonino Aceti.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-05-2017 alle 01:17 sul giornale del 08 maggio 2017 - 1816 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, lions club, pesaro, lions club pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aI64





logoEV