Sesto incontro del ciclo "Raccontare la Grande guerra. Scrittori e romanzi a confronto"

Raccontare la Grande guerra. Scrittori e romanzi a confronto alla Biblioteca Bobbato 19/04/2017 - Venerdì 21 aprile 2017 alle ore 17.00, presso la Biblioteca Bobbato di Pesaro, si terrà il sesto incontro del ciclo "Raccontare la Grande guerra. Scrittori e romanzi a confronto".

Marino Biondi tratterà il tema "Taccuini memorie narrazioni. Da vicino e da lontano le scritture della guerra". Introdurrà Anna Tonelli (Università di Urbino, direttrice ISCOP). Marino Biondi, uno dei più autorevoli studiosi italiani di letteratura, docente all’università di Firenze, ha esplorato la Grande guerra attraverso i riflessi nei libri di memoria e nelle testimonianze. In particolare, si è soffermato sul problema della veridicità e della verità storica delle fonti letterarie, in forma di memoria o di diario, per non dire del romanzo d'invenzione, dominanti nel racconto-narrazione della guerra. Ermanno Olmi ha affermato che il suo film "Torneranno i prati" non è un film sulla guerra, ma sul dolore della guerra: questo è valido anche per molta letteratura recente sul primo conflitto mondiale, luogo della sofferenza e del lutto. Oggi la scrittura popolare è in auge presso gli storici ed è comprensibile questa fiammata di interesse per gli autori da trincea, non gli scrittori, ma gli scriventi di base, in sottesa antitesi ai comandi e alle strutture di vertice, usciti sconfitti anche nella memoria. Quindi la Grande guerra diventa il filo che permette una più ampia analisi sulle tante guerre del Novecento che hanno linguaggi e codici comunicativi diversi, ma indispensabili per tracciare le tappe del vissuto da tramandare ai posteri. A ognuno la sua storia, a ognuno la sua guerra. Marino Biondi insegna “Letteratura italiana” e “Storia della critica e della storiografia letteraria” presso l’Università di Firenze. I suoi studi sono prevalentemente indirizzati all'area otto-novecentesca, fra storia della letteratura e storia della cultura, con particolare attenzione alla storiografia letteraria. Si è in modo speciale occupato di Renato Serra e ha curato le opere di Curzio Malaparte, di Alberto Moravia e di Vasco Pratolini (da ricordare una pregevole edizione commentata di "Metello"). Ha approfondito anche gli studi sulla letteratura del Risorgimento e sulla stagione delle riviste ("Un secolo fiorentino. Politica e cultura dalle riviste degli intellettuali all’ascesa di Matteo Renzi"). Fra i volumi più recenti "Cronache. Da Dante ai contemporanei" e "Nuove cronache. Antichi e moderni" (Le Lettere, 2011-2013); la monografia "Pratolini. Cent’anni di cronache" (Le Lettere, 2014); "Boccaccio e Macchiavelli. Occasioni di lettura" (Helicon, 2014). Per il tema della Grande guerra: "Tempi di uccidere. La grande guerra letteratura e storiografia" (Helicon, 2015).

Il ciclo di incontri è promosso da ISCOP, Biblioteca Bobbato, Mediateca Montanari-MeMo, Comune di Fano - Assessorato alle biblioteche e Assessorato alla Memoria; con il sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Banca di Pesaro, e la collaborazione dell'Archivio di Stato di Pesaro e Urbino. I docenti che si iscriveranno potranno richiedere un attestato di partecipazione.

Per le iscrizioni inviare una mail a iscop76@gmail.com indicando dati anagrafici, istituto di appartenenza e numero telefonico. L’ISCOP fa parte della rete degli Istituti associati all’Istituto nazionale Ferruccio Parri che ha ottenuto il riconoscimento di agenzia formativa.

Gli incontri sono aperti a tutta la cittadinanza.


da Iscop
Istituto di Storia Contemporanea di Pesaro e Urbino



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-04-2017 alle 16:48 sul giornale del 20 aprile 2017 - 883 letture

In questo articolo si parla di cultura, Iscop, pesaro e urbino, storia contemporanea, grande guerra, Biblioteca Bobbato pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aIBu