Compito in piazza – le eccezioni culturali pesaresi, Delle Noci: “Le risorse saranno gestite dai giovani”

Compito in piazza – le eccezioni culturali pesaresi 19/04/2017 - “Molto spesso i giovani vengono considerati, come gli anziani, una fascia da proteggere. Così, di solito si fa qualcosa per loro, ma non con loro. Io invece sono convinto che rappresentino una risorsa, il nostro futuro, per cui sono molto orgoglioso di questo progetto”.

Chi parla è l’assessore alla Gestione Antonello Delle Noci, che spiega così il progetto “Compito in piazza – le eccezioni culturali pesaresi” che vede collaborare insieme il Comune di Pesaro, l’associazione culturale ‘Periferica’, il Tavolo Studenti e la cooperativa Le Macchine Celibi. Il progetto, grazie ad un bando promosso dalla Fondazione Wanda Di Ferdinando, potrà contare su un contributo di 20mila euro e si svilupperà nell’arco di 18 mesi, arrivando quindi fino al 2019.

“Le risorse verranno gestite interamente dai nostri giovani”, ha sottolineato ancora l’assessore.

Il progetto “Compito in piazza – le eccezioni culturali pesaresi”
Il progetto si rivolge a giovani dai 16 ai 25 anni individuati all’interno dell’ambiente scolastico e dei centri di aggregazione giovanili del Comune di Pesaro, e dunque finalizzato al coinvolgimento dei giovani in attività qualificate e innovative di carattere sociale, culturale, economico e tecnologico. I giovani, coordinati e raccolti dalle associazioni Periferica e Tavolo Studenti, diverranno gli storyteller (narratori) e “formatori” dei cittadini su temi coerenti con il feed back (o riscontro) culturale, sociale ed economico della città, risultando responsabili organizzativi delle iniziative pubbliche previste dal progetto. In particolare, ragionare e discutere su temi che fanno parte di un passato prossimo e remoto, che hanno caratterizzato la storia della nostra comunità. Accedere alla cultura può rafforzare la loro consapevolezza di condividere un patrimonio intellettuale comune e promuovere una cittadinanza attiva aperta al mondo. Durante le iniziative, i giovani si potranno confrontare con grandi esperti nazionali dei settori coinvolti. In cambio delle loro attività, gli verrà consegnata una utility card nella quale saranno caricate premialità (biglietti museali, libri, ingressi per concerti, viaggi ecc.).

“Giovani favolosi”
Parla di ‘giovani favolosi’ e di ‘meglio gioventù’, Marco Roscetti di Periferica, che spiega: “Con questo progetto si vuol far capire come, attraverso la cultura e la creatività, si possa raggiungere un livello di benessere migliore, e questo sia per l’individuo sia per la comunità in cui vive. Come verranno scelti i giovani? Attraverso lo scouting negli istituti superiori del Comune andremo a selezionare una equipe di ‘giovani favolosi’”. Primo appuntamento a maggio, in piazza del Popolo per un compito in piazza: la comunità verrà invitata a sedersi nei banchi, appositamente predisposti, per sviluppare le tracce del progetto. Naturalmente ai presenti verrà offerta una merenda, a base di pizza Rossini.

“Il progetto durerà 18 mesi, stiamo pensando a una decina di iniziative – ha detto ancora Roscetti -. Non solo, i giovani che prenderanno parte al progetto potranno acquisire dei crediti, dei premi, come biglietti d’ingresso a teatro o sconti sui servizi culturali”. Al Tavolo Studenti il compito di trovare i ‘giovani favolosi’ che collaboreranno al progetto e alle iniziative. “Verrà avviato un dialogo con le scuole attraverso gli istituti scolastici – è intervenuto Timoteo Tiberi -. Parallelamente organizzeremo già a maggio un momento di confronto con i rappresentanti di istituto per capire quelli che possono essere i temi e le modalità di coinvolgimento. Il progetto deve partire dal dialogo con i ragazzi”. Per Francesco Nicolini della cooperativa ‘Le Macchine Celibi’ si tratta di “un progetto strategico. Per i giovani significherà mettersi alla prova e crescere”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-04-2017 alle 01:46 sul giornale del 20 aprile 2017 - 1565 letture

In questo articolo si parla di attualità, giovani, pesaro, Comune di Pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aIz8