Continua la crisi nel pesarese, come proteggere i propri risparmi

Denaro 5' di lettura 21/02/2017 - Sono passati pochi giorni da quando la Camera di Commercio ha pubblicato i dati sullo stato dell'economia pesarese e quello che è emerso non è confortante. Come ha rilevato il presidente della Camera di Commercio di Pesaro e Urbino, Alberto Drudi, “le difficoltà che ancora pesano sul sistema economico e l’elevata incertezza circa i tempi e l’intensità della ripresa economica rimangono tuttora fonti di rischio per un sistema che resiste da molti anni ed incontra difficoltà ad imporsi e consolidare la propria posizione”.

Per l'ennesimo anno consecutivo, le speranze di ripresa sono state disilluse. Il 2016 si è chiuso con un bilancio negativo per le imprese pesaresi e le prospettive per l’anno in corso sono tutt'altro che rosee. Nonostante il tasso di flessione della crescita nella provincia di Pesaro e Urbino sia stato inferiore rispetto alla media regionale e considerevolmente più basso rispetto a quella nazionale, il segno è
comunque ancora negativo. In termini pratici questo si traduce in rinnovate difficoltà per le imprese del nostro territorio che dovranno cercare di sopravvivere a questa stagnante situazione economica.

È evidente che queste difficoltà avranno anche nel 2017 un impatto negativo sull'economia delle singole famiglie. Il difficile periodo economico per le aziende si traduce inevitabilmente in scarsità di posti di lavoro e ridotte possibilità per le famiglie di incrementare le proprie entrate.

Tutto fa presupporre che anche il 2017 sarà un anno difficile per i piccoli risparmiatori intenti a proteggere I loro capitali messi sempre più a dura prova dalla persistente crisi economica nazionale. Ancora una volta l'interrogativo sarà su quali investimenti rivolgersi per poter proteggere i propri risparmi.

Come investire nel 2017

Il 2016 in effetti non si è concluso solamente con notizie negative. Alcuni settori dell'economia hanno rilevato un segno positivo come, ad esempio, il mercato immobiliare. Secondo uno studio effettuato sulla provincia di Pesaro Urbino, il numero delle transazioni immobiliari ha visto un incremento del 29% nel corso del 2016. Questo si è verificato in concomitanza con un ulteriore calo dei prezzi pari al 2%. La combinazione di questi due dati fa presupporre che anche nel corso del 2017 le compravendite immobiliari continueranno ad essere in aumento.

Investire nel mattone potrebbe tornare ad essere una scelta vincente per l'anno in corso. Diversi sono i fattori che rendono questo mercato appetibile. Come già menzionato, i prezzi sono ai minimi storici e quindi acquistare in questo periodo significa portarsi a casa dei buoni affari. Il numero di immobili in vendita, inoltre, è molto elevato ed è possibile trovare oggetti di pregio nelle posizioni ottimali. Altro fattore positivo, le banche stanno allentando la presa sui finanziamenti e hanno ricominciato ad erogare mutui immettendo liquidità nelle tasche delle famiglie.

Ovviamente investire nel mattone non è alla portata di tutti. Ma per quel risparmiatori che hanno liquidità disponibile questo potrebbe essere il momento giusto per comprare. Gli analisti ritengono improbabile che i prezzi possano scendere oltre le soglie attuali e la ripresa del mercato che si è registrata negli ultimi mesi fa invece presupporre che questi torneranno a crescere nel breve futuro. Investire nel mattone è una possibilità per chi si può permettere di avere somme vincolate per un periodo di tempo che potrebbe essere anche lungo prima di poter realizzare un guadagno dal proprio investimento. Chi si avvicina a questo tipo di operazioni deve inoltre tenere conto dei costi di gestione collegati alle proprietà immobiliari che si dovranno sostenere nel corso degli anni.

In alternativa, molti risparmiatori continuano ad indirizzarsi sugli investimenti più classici come Buoni del Tesoro, Buoni Postali e tutti quegli investimenti che hanno un rendimento irrisorio ma che sono garantiti. Questi investimenti sono adatti a tutti quei risparmiatori che non amano il rischio e che preferiscono avere piccoli guadagni senza dovere immobilizzare I propri capitali per lunghi periodi.

Per gli investitori più intraprendenti e con una mentalità meno conservativa, il mondo del trading on-line potrebbe rivelarsi un'ottima opportunità. I vantaggi di investire in opzioni binarie sono diversi. Innanzitutto è possibile investire anche somme minime rendendo questo investimento appetibile anche ai piccolissimi risparmiatori. Sono investimenti che possono avere durata anche brevissima, in alcuni casi anche solo pochi minuti. L'investitore può quindi vedere i risultati delle proprie operazioni nel brevissimo periodo. Questi strumenti permettono al risparmiatore di poter scegliere tra una grande varietà di prodotti su cui puntare che vanno dal forex, al mercato azionario e al mondo delle commodities.

Anche in questo caso, non sono investimenti adatti a tutti. Dietro alla loro apparente semplicità si nasconde una notevole componente di rischio. Sono operazioni adatte a quegli utenti che sono disposti ad investire sulla propria formazione. Utenti pronti ad apprendere e a usare gli strumenti messi a disposizione dalle piattaforme per il trading on-line per imparare a lavorare con questi prodotti. Acquisire dimestichezza con questi sistemi è essenziale per operare scelte oculate senza mai perdere di vista il rischio connesso. Per chi soddisfa queste condizioni, investire in opzioni binarie può diventare un modo per incrementare le proprie entrate mensili.

Il 2017 sarà ancora una volta un anno non adatto ai deboli di cuore. Gli scenari economici possono cambiare rapidamente ed occorre avere sempre la massima attenzione agli sviluppi del mercato. Molto probabilmente gli investitori più attenti troveranno opportunità di guadagno anche nel corso di quest’anno. Occorre comunque ricordare che in periodi di forte recessione come quelli che stiamo vivendo anche riuscire a conservare l'integrità del proprio capitale è da considerarsi un successo soddisfacente.






Questo è un articolo pubblicato il 21-02-2017 alle 00:21 sul giornale del 22 febbraio 2017 - 990 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, denaro, risparmi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGFI





logoEV