Il grande compositore Nicola Piovani al teatro Rossini: "Contento di ritornare a Pesaro"

Nicola Piovani 2' di lettura 20/02/2017 - "Sono contento di ritornare a Pesaro, città della musica. In piazza del Popolo ho tenuto un concerto con la mia orchestra che non dimenticherò più''. Nicola Piovani, genio musicale romano, classe 1946, compositore, pianista, direttore d'orchestra arrangiatore, critico musicale: un vero artista a 360 gradi, ritorna a Pesaro martedì 21 febbraio al teatro Rossini per presentare il suo spettacolo che sta avendo successo in tutt'Italia: La musica è pericolosa, organizzato dalla Compagnia della Luna e promosso dall'Assessorato alla Bellezza del Comune di Pesaro, WEPESARO città della musica, Amat, Ministero dello Spettacolo e Regione Marche.

Maestro Piovani, perché la musica è pericolosa? "La musica è pericolosa, perchè ti fa rivivere emozioni,ricordi belli e brutti. Insomma è un percorso esistenziale. Nessun altra arte ti permette di raggiungere queste finalità. In particolare lo spettacolo La musica è pericolosa è un racconto musicale, narrato dagli strumenti, pianoforte, chitarra, contrabbasso, percussioni,sassofono, clarinetto, contrabbasso e fisarmonica,violoncello. Tante voci musicali che scandiscono le stazioni di un viaggio musicale in libertà.''

Quali sono i suoi compagni di viaggio? "Sono tanti, perché tanti sono stati gli incontri e le amicizie. Penso a De Andrè all'immaginazione onirica di Federico Fellini, a Gigi Magni e il suo modo di fare cinema e televisione. Penso ai registi spagnoli del passato come Bunuel e presenti come Almodovar, ai francesi da Bresson a Godard fino ai nuovi interessanti autori. Ma poi gli incontri vanno nel versante musicale con i cantanti e gli strumentisti''.

Dunque, Piovani è un Dante dei nostri tempi, alla ricerca, dentro una Comedie Humaine balzachiana, di una verità artistica? "In me vi è questo forte anelito alla ricerca,allo sperimentalismo, ma anche alla tradizione. Scoprendo il teatro, ho capito come la parola negli arrangiamenti musicali,ha l'occasione di arrivare dove non arriva la musica e viceversa la musica fa da padrona dove la parola non può arrivare.''

Composizioni musicali per più di 150 film e oltre 100 spettacoli teatrali. La vena artistica di Piovani, è ancora ricca di progetti futuri? "Ho tante idee e progetti, ma preferisco lavorare giorno per giorno.''

La Musica è pericolosa prevede anche dei video d'autore? "Si durante la serata verranno proiettati dei video a integrare il racconto con spezzoni di film e immagini di autori come Manara e Luzzati, dedicati alla mia opera musicale''.






Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2017 alle 08:47 sul giornale del 21 febbraio 2017 - 1051 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Nicola Piovani, Paolo Montanari, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGCK