Report 2016 della Caritas parrocchiale del centro storico: un anno difficile

3' di lettura 10/02/2017 - Report della Caritas parrocchiale del centro storico di Pesaro 2016 "Maria Grazia Bui''.

E' stato un anno difficile per l'Unità Pastorale Centro, che comprende la Cattedrale, S.Giuseppe, S.Lucia, S.Agostino e S.Cassiano. La Caritas parrocchiale dell'Unità Pastorale Centro "Maria Grazia Bui'', è composta da Stefano Gallizioli per progetto accoglienza e ascolto, Fiorella Pierani per raccolta e distribuzione cibo e ascolto, Fernanda Carletti per laboratorio cucito e ricamo, Leda Ugolini Fulgini per sostegno allo studio, Anna Pensalfine per magazzino vestiario ed i sacerdoti dell'Unità pastorale.

Sono tante le persone che vivono nel centro storico di Pesaro, in situazioni difficili, mancanza di lavoro, di cibo, di vestiti. Il gruppo di referenti dell'Unità pastorale si incontra una volta al mese per scambiarsi le notizie positive e negative e per rendere più efficace la relazione d'aiuto nei confronti dei tanti poveri che vengono a bussare nei centri d'ascolto.

Ma veniamo ai numeri forniti dal report 2016. Sono 50 le famiglie seguite e formate da uno o più componenti. Molte sono italiane, ma vi sono anche famiglie provenienti dall'Europa dell'Est, dall'Africa e dai paesi asiatici, ognuna con una storia speciale fatta di tradizioni e culture. Sono state riscontrate delle differenzazioni etiche e culturali, che sono state superate dalla visione unitaria per trovare il clima di pace tra i popoli e le famiglie ospitanti nel centro storico di Pesaro. Invece sono 544 gli interventi di ascolto e sostegno alimentare ed economico.

100 sono i quintali di cibo distribuito (70 q.li prelevati al Banco Alimentare, 10 q.li da raccolta mensile ogni prima domenica del mese nelle messe festive e prefestive 20 q.li da acquisti diretti con donazioni dedicate.

L'idea del mercatino della Caritas di via del Seminario, si sta sviluppando a macchia d'olio anche nelle caritas parrocchiali. Infatti sono stati raccolti 3.090 euro con le offerte attraverso 3 mercatini promossi dal Laboratorio di cucito e ricamo per la Caritas Parrocchiale.

Il parroco del Duomo, don Stefano insieme a don Roberto, don Giorgio e i sacerdoti di S.Agostino, stanno svolgendo una attività pastorale di assistenza e solidarietà che non è solo economica. Infatti hanno predisposto, secondo le indicazioni dell'Arcivescovo di Pesaro, mons.Piero Coccia, che è stato l'ideatore della rete di caritas parrocchiali nel territorio diocesano, un gruppo di volontari che nel 2016 hanno collaborato per tre domeniche con la mensa diocesana a servire un pranzo ai bisognosi, grazie al sostegno economico di tanti benefattori.

Ma la solidarietà, ha sottolineato don Giorgio, che ha una grande esperienza prima nella Caritas ed ora in Migrantes Marche, deriva anche da una serie di collaborazioni e sensibilizzazioni promosse all'aiuto di vari parrocchiani: la colletta alimentare del Banco Alimentare presso la Coop del centro, la collaborazione delle maestre e genitori e dei bambini della scuola materna "Il filo rosso'. Attualmente vi sono 15 ragazzi provenienti da famiglie con reddito basso, che vengono seguiti da dei professori che volontariamente li sostengono nello studio attraverso un accompagnamento personalizzato e finalizzato all'autonomia e alla creazione di un clima fecondo che favorisce l'apprendimento come opportunità di crescita personale.Una rete capillare di solidarietà che da ottobre 2016 fino ad ottobre 2017 ha visto e vedrà coinvolti molti parrocchiani in una colletta mensile. Vi sono durante l'anno scolastico in corso 6 insegnanti volontarie che quotidianamente favoriscono la conoscenza della nostra lingua.

Dunque Pesaro non è solo capitale della musica e dello sport, ma vuole diventare capitale-simbolo della solidarietà.






Questo è un articolo pubblicato il 10-02-2017 alle 11:40 sul giornale del 11 febbraio 2017 - 3105 letture

In questo articolo si parla di attualità, cibo, Paolo Montanari, caritas pesaro, aiuto, articolo, caritas parrocchiale pesaro, famiglie in difficoltà

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGhB





logoEV
logoEV