Vuelle, altra prova del fuoco contro Cantù. "Giocheremo con grande rabbia agonistica" assicura Bucchi

Bucchi, Vuelle 4' di lettura 04/02/2017 - Altra sfida vincere-o-morire per la VL Consultinvest. Domani sera scenderà infatti sul parquet dell’Adriatic Arena la Red October Cantù, ed incassare un’altra sconfitta in casa, dopo quella drammatica subìta contro Torino, significherebbe per i biancorossi trovarsi davvero alla canna del gas, visto il finale di stagione tutto in salita che li attende.

Non inganni la magra classifica della formazione di coach Bolshakov: i bianco-blu, nonostante i soli 14 punti finora conquistati, sono infatti una squadra costruita per puntare ai play off, con un roster potente e completo in tutti i reparti, che è stato ulteriormente rinforzato con i recenti acquisti di giocatori di classe ed esperienza come il play-guardia Cournooh, il forward Calathes e la guardia Acker. In particolare, i primi due sono stati fra i migliori dei canturini nell’ultima gara vinta contro Brescia, con Cournooh che ha segnato 14 punti (4/4 da due) e smazzato 7 assist, e Calathes, che ha firmato 13 punti e 13 rimbalzi, una doppia-doppia che è risultata decisiva per confezionare la vittoria contro la Leonessa, assieme alla potenza sotto canestro del centro JaJuan Johnson (14 punti e 11 rimbalzi).

Se qualcuno in casa biancorossa nutrisse ancora dubbi sull’importanza o meno di tornare sul mercato a stagione in corso, per turare le falle che si sono aperte nel roster della Vuelle strada facendo, può trarre un utile insegnamento da quanto ha fatto Cantù. Perché, come si dice, errare è umano ma perseverare è diabolico. Veniamo ora ai commenti dei coach, che così presentano la difficile sfida che attende le loro squadre.

“Contro Torino ci hanno pesantemente penalizzato alcuni errori arbitrali, che non ci hanno consentito di ottenere una vittoria che avremmo sicuramente meritato” esordisce Piero Bucchi, che non è ancora riuscito, evidentemente, a mandar giù l’amarissimo boccone di domenica scorsa “E allora contro Cantù puntiamo a rifarci della grande delusione subìta, affrontando con strenuo impegno una battaglia durissima da vincere a tutti i costi, senza lasciarci condizionare da quella beffarda sconfitta. Sicuramente dovremo giocare di squadra con maggiore velocità ed efficacia offensiva, anche se certe volte non riusciamo a farlo perché paghiamo oltre misura il maggiore atletismo dei nostri avversari. Siamo consapevoli del fatto che Cantù è una formazione più forte e completa della nostra, specie dopo l’inserimento in squadra dei nuovi acquisti, che ne hanno aumentato la potenza sotto canestro e la creatività in cabina di regìa. Ma questo” conclude il coach ”non ci impedirà di gettare in campo tutta la nostra rabbia agonistica e la nostra grande voglia di tornare al successo davanti al nostro pubblico”.

Una Red October Cantù in gran forma, che appare dunque favorita nel confronto con una VL Consultinvest in chiara difficoltà. Ma coach Bolshakov non sembra comunque sottovalutare le insidie che la sua squadra potrebbe incontrare sul campo di Pesaro: “Affrontiamo una formazione vicina a noi in classifica e che ha assolutamente necessità di conquistare una vittoria. Per questo i marchigiani saranno particolarmente motivati. Giocando in trasferta dovremo prestare attenzione a non subire break importanti per evitare di far entrare ancor di più in partita il pubblico. Dovremo quindi ricucire velocemente ogni gap alzando l’energia e il livello del nostro gioco. Sicuramente il nostro rendimento difensivo sarà una chiave importante per provare ad aggiudicarci questa sfida. Penso che la nostra squadra adesso sia più completa ed equilibrata. Abbiamo infatti ingaggiato Cournooh, che ci permette di cambiare Dowdell nella posizione di playmaker, e ora nel ruolo di ala forte abbiamo Calathes, che è reduce da una buona prestazione contro Brescia in cui ha mostrato le sue qualità e che gli è servita per acquisire maggiore fiducia. Proprio Pat sarà importante nella partita contro la Vuelle, soprattutto dal punto di vista difensivo. Se analizziamo infatti le statistiche dei biancorossi, ci accorgiamo che nelle ultime cinque giornate Jones ha segnato oltre 21 punti di media e conquistato più di 10 rimbalzi. Il lavoro in difesa di Calathes sarà dunque indispensabile per cercare di limitare al massimo il leader della compagine marchigiana”.

In attesa di ottenere risposte confortanti dal parquet, sembrano avere finalmente conferma le voci che vorrebbero la dirigenza della Vuelle decisa a tornare sul mercato, nonostante le scarse risorse economiche a disposizione. L’ipotesi più attendibile appare quella dell’ingaggio di Dionte Christmas, guardia-ala di notevole talento ed atletismo, già visto in Italia con la maglia di Siena, che verrebbe a sostituire Brandon Fields già dalla trasferta della Vuelle ad Avellino. Poco da aggiungere: se son rose, fioriranno.






Questo è un articolo pubblicato il 04-02-2017 alle 07:24 sul giornale del 05 febbraio 2017 - 1834 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, vivere pesaro, sport pesaro, vuelle, Alberto Pisani, articolo, consultinvest pesaro, bucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aF7Y





logoEV