Arcobaleno in Cucina: come fare in casa il Pane Biologico

Arcobaleno in Cucina: come fare in casa il Pane Biologico 22/12/2016 - Per ottenere un buon pane è importante scegliere farine che rilasciano poca umidità all'impasto finale in quanto uno degli ingredienti più presenti è proprio l'acqua.

Il mix di farine che ho indicato in questa ricetta permette di ottenere un risultato soddisfacente a livello di gusto e di presentazione.

La farina di grano duro è una farina, appunto, che ha poca umidità infatti viene utilizzata per pastificare la pasta secca. La farina tipo 2 è una farina semi integrale quindi l'ideale per ottenere un pane consistente. Ultimo tocco la presenza di farina di Manitoba soprattutto nei giorni umidi d'inverno (l'umidità interferisce in maniera negativa sulla buona lievitazione : ne basta davvero poca in quanto dobbiamo riccordarci che è ricca di glutine e consiglio di non abusarne per la nostra salute ma aiuta ad avere quell'aspetto "gonfio" del pane.

Inoltre la scelta del lievito è determinante: consiglio di non fare il pane con il lievito di birra in quanto poco consigliato per la nostra salute. Posso comprendere che non tutti hanno dimistichezza con Livieto Madre da rinfrescare e accudire e dunque ho trovato un buon compromesso: il livieto madre essiccato e consiglio l'azienda l'Antico Molino Rosso. Tra l'altro miscelo il lievito madre di frumento con lievito madre di Kamut per arrivare ad avere un risultato finale soffice all'interno e delizioso.

Tra gli ingredienti ho messo anche il sale fino che reputo facoltativo in quanto sappiamo che occorre essere occulati anche con la presenza di sale nei nostri alimenti quotidiani. Opto dunque per il sale marino integrale che in effetti condisce di meno e ricco di sali minerali.

Accorgimenti in fase di cottura. E' importante cuocere a 220 gradi a forno statico per i primi 20-25 minuti per garantire una buona cottura soprattutto all'interno e poi i restanti 20-25 minuti a 180 gradi. Ovviamente ognuno di noi conosce il proprio forno e dunque regolatevi sulla potenza.

Ingredienti:
350g Farina tipo 2 Bio
1500gr di farina Manitoba Bio
100 g Semola di grano duro rimacinata
390 g Acqua
10gr di Lievito Madre di Frumento essiccato az. “Antico Molino Rosso”
10gr di Lievito Madre di Kamut essiccato az. “Antico Molino Rosso
” 8 gr di Sale Marino Integrale

Procedimento:

In una ciotola ampia mettere le farine e i lieviti e il sale marino.

Poi aggiungere piano piano la quantità di acqua.

Lavorare poi l’impasto su un piano di lavoro. Per evitare che l’impasto si attacchi al piano di lavoro ungerlo con un po’ di olio di mais o di girasoli. Lavorerete meglio l’impasto.

Impastare fino ad ottenere una palla omogenea e liscia. Mettere a lievitare per almeno 4 ore in una ciotola ricoperta con pellicola in un ambiente caldo tipo la cucina.

Una volta che l’impasto è lievitato lavorarlo un pochino sempre sul piano di lavoro leggermente unto e formare un paio di filoncini. Se a voi piace una forma differente procedere tranquillamente!

Adagiare i filoncini su una teglia ricoperta da carta forno e cuocere a forno statico già caldo a 220 gradi per 25 minuti e poi abbassare la temperatura del forno a 180 gradi e cuocere per altri 25minuti.

Una volta cotto lasciare raffreddare il pane in piedi appoggiato al muro oppure sopra elevato sopra una griglia.








Questo è un articolo pubblicato il 22-12-2016 alle 07:58 sul giornale del 23 dicembre 2016 - 1519 letture

In questo articolo si parla di attualità, ricette, pane, vegana, articolo, arcobalenoincucina, Maria Elisa Rossi Casciaro, cucina vegetariana, Arcobaleno in Cucina, come fare in casa, Pane Biologico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aET9

Leggi gli altri articoli della rubrica Arcobaleno in Cucina