Pesaro partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio

Palazzo Mazzolari Mosca 22/09/2016 - Pesaro aderisce alla manifestazione che pensa alla cultura come strumento potente di dialogo, con due giornate da non perdere. Venerdì una notte al museo aspettando San Terenzio. Domenica, apertura straordinaria di Palazzo Mazzolari Mosca per visitare il suo salone e i depositi alla scoperta della bellezza “nascosta".

Pesaro partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio, manifestazione ideata nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea per favorire lo scambio culturale tra le nazioni. Due i temi al centro della proposta 2016: l’eredità culturale e la comunità di eredità, da cui emerge uno sguardo molto attento alle generazioni future, interlocutori privilegiati quando si parla di conoscenza. In occasione di questo weekend che sarà speciale in tutta Europa, la città propone due giornate decisamente “preziose” tra i palazzi Mosca e Mazzolari.

Venerdì 23, torna - dopo l’entusiasmante esperienza di maggio - la Notte al Museo, per grandi e piccoli (5-12 anni). Aspettando il giorno di San Terenzio (24 settembre) patrono di Pesaro e primo vescovo romano della città dove muore martire nel 247 d.c., si andrà alla scoperta di arte, usi e costumi dell’epoca. In programma, attività ai Musei Civici con incursioni e sorprese alla domus dell’area archeologica di via dell’Abbondanza e pernottamento a Palazzo Mosca.

Domenica 25, apertura straordinaria di Palazzo Mazzolari Mosca, edificio acquistato nel 1842 dalla marchesa Vittoria Mosca per farne la sua residenza di collezionista. Passato al Municipio di Pesaro come previsto dal testamento, dal 1888 accolse un Museo Artistico Industriale per la “gioventù studiosa” ma senza mezzi, che rimarrà aperto fino ai primi anni del novecento. Il programma prevede visite guidate al salone d’onore riallestito nel 2015 proprio con le opere che arredavano le stanze del Museo Industriale, e, soprattutto, a uno spazio solitamente chiuso al pubblico: i depositi che custodiscono gran parte delle raccolte dei Musei Civici.

Ancora domenica 25 alle 17, il Museo della Marineria Washington Patrignani propone una conversazione con Giacomo Recchioni dal titolo “Barche e sassi. I ‘non luoghi’ ai margini dei porti. Aspetti di portualità latente dall’Aso all’Ete”, dedicato alle peculiarità del litorale piceno; un incontro per conoscere aspetti di una quotidianità lontana che ha caratterizzato storia ed economia delle comunità delle Marche meridionali affacciate sull'Adriatico. (ingresso gratuito 0721/35588).

Non è cosa da tutti i giorni visitare i depositi di un museo o trascorre la notte tra le opere d’arte – dice l’assessore alla Bellezza del Comune Daniele Vimini -. D’altra parte, la direzione di rendere sempre più fruibile il patrimonio culturale rappresenta l’incontro tra una scelta precisa dell’Amministrazione e una forte richiesta che arriva dalla città”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2016 alle 06:22 sul giornale del 23 settembre 2016 - 935 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, Comune di Pesaro, Giornate europee del patrimonio, palazzo mazzolari mosca

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aBsQ