Vuelle: Virtus Bologna battuta, buona prova di Lacey, Christon e McKissic

Vuelle - Bologna 4' di lettura 25/10/2015 - Més que un partido. Pesaro si assicura il derby delle "Basket-Cities" con la Obiettivo Lavoro Bologna con il punteggio di 68-63 e muove la sua classifica. Christon top scorer con 21pt, seguono Lacey e McKissic con 15pt. Gaddy piazza 14pt che naturalmente non bastano ai suoi. Ecco la cronaca del match:

Primo quarto

Coach Paolini sceglie di schierare un quintetto così composto: Gazzotti, Lacey, Christon, Walker e McKissic. Valli replica con Cuccarolo, Gaddy, Fontecchio, Mazzola e Allan Ray. Un primo fallo di Allan Ray manda Christon alla lunetta, che trasforma il libero concesso e manda Pesaro sul +3 (precedente doppia sempre di sua fattura). Prima McKissic e poi Christon (x2) approfittano due errori dei bolognesi in fase di copertura offensiva e lanciano Pesaro a +7 (9-2). Bologna distratta in entrambe le fasi, Giorgio Valli chiama il primo timeout di gara (-6'). Una doppia di Lacey aumenta il divario, ora in doppia cifra. A -4' Esce Lacey ed entra Shelton. Anche Basile fa il suo esordio nel match, sostituendo un cinico Christon (-2'50"). Tre tiri liberi di McKissic e una tripla in (quasi) sospensione portano la Vuelle a +15 (21-5) a meno 1'15". Una doppia dell'ex ASU chiude il quarto. 13 punti per lui. Parziale: 23-7.

Secondo quarto

Semaj riapre le danze: suoi i due punti che portano Pesaro sul 25-7. Ceron subentra a Candussi (-9'). Qualche errore in fase di impostazione e disimpegno portano entrambe le squadre a concludere, ma con superficialità. Per questo motivo Paolini chiama timeout a -6'40". Una tripla di Mazzola trascina i felsinei a -9 (25-14). L'assenza di Shaq sul parquet permette a Bologna di recuperare ulteriormente: 25-18 a poco meno di cinque minuti dall'intervallo lungo. Si rivedono i fantasmi di Pesaro-Pistoia (25-20 a -3'). Pesaro non é più ficcante come nella prima frazione, Bologna trova autostrade in cui impostare e pertugi da cui poter concludere efficacemente. Al contropiede e relativa schiacciata di McKissic risponde la tripla di un caldo Mazzola (29-23). Un fallo in pitturata di Vitali manda Christon alla lunetta che trasforma (31-26). Ma ecco che accade l'impomderabile: Mazzola realizza un gioco da tre (doppia+libero aggiuntivo dopo fallo di McKissic). Parziale: 31-29.

Terzo quarto

Breve recap del secondo quarto: per Pesaro a referto solo Lacey, Christon e McKissic che si assicura un +24 di valutazione; Bologna invece realizza (72% al tiro) con Vitali, Gaddy, Fontecchio, Mazzola, Odom e Ray. Pronti, via e dopo l'esibizione canora di Sara Minelli l'Adriatic Arena é subito catapultata nel secondo tempo. McKissic entra in pitturata e accompagna i suoi sul 33-29. Quest'ultimo esce in favore di Ceron (-7'). Una tripla di Christon strappa un break importante: +11 (40-29) a meno 5'-30". Lacey realizza la doppia del +13 e Valli chiama il timeout. Ceron piazza una tripla, stoppa una promettente azione d'attacco bolognese e mette Gazzotti nelle condizioni di piazzarla da 6,75 m (-3'). 50-31. Ora il pressing avversario si fa quasi asfissiante, ma il sempre presente McKissic trova ottimi varchi. Qualche disattenzione di troppo di Basile e Shelton, effetto dell'opprimente difesa a uomo escogitata da coach Valli, consente agli avversari di scendere a -16. Parziale: 52-39.

Quarto quarto

Un discusso fallo su Fontecchio manda in lunetta lo stesso che trasforma (52-41). Christon sale in cattedra piazzando prima una doppia e poi, nei secondi successivi, una tripla quasi improbabile (57-43, -7'-50"). A -6-50" a Candussi viene fischiato il quinto fallo di giornata. Terna protagonista con antisportivo fischiato a Christon. Vitali va alla lunetta. Liberi trasformati. 57-48. Anche Mazzola (fischiatissimo dai tifosi pesaresi) fuori per il quinto fallo cumulato. A -4'-30', sul 59-48, Valli chiama timeout. McKissic passa la tavolozza coi colori, Christon e Ceron dipingono punti importanti: é +14 quando mancano tre minuti al termine. Allan Ray, con una tripla delle sue (Pesaro ricorda bene la sua, decisiva, nello scontro dell' Adriatic Arena nella stagione passata) porta Bologna a -8. La scarsissima freddezza di Shelton dalla lunetta e i pochi rimbalzi difensivi conquistati portano Pesaro a un -4 (65-61) che fa tremare l'Adriatic. Ma a dipanare la matassa ci pensa McKissic, autentico trascinatore. Ë 68-63 a -6". Risultato invariato fino alla fine. Finale: 68-63.

Consultinvest Pesaro

Shelton 5, Basile 0, Gazzotti 4, Lacey 15, Christon 21, Solazzi ng, Candussi 0, Walker 0, Rosa ng, Ceron 8, Serpilli ng, McKissic 15. Coach: Riccardo Paolini.

Obiettivo Lavoro Bologna

Pittiman ng, Fabiani ng, Vitali 12, Cuccarolo 0, Gaddy 14, Williams 0, Paiola 0, Fontecchio 7, Mazzola 10, Oxilia ng, Odom 11, Ray 9. Coach: Giorgio Valli.

Parziali: 23-7; 31-29; 52-39; Spettatori: 4251 (60 da Bologna).

Arbitri: Mazzoni di Grosseto, Bartoli di Trieste, Attard di Siracusa








Questo è un articolo pubblicato il 25-10-2015 alle 18:38 sul giornale del 26 ottobre 2015 - 1689 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, bologna, vuelle, articolo, Riccardo Spendolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/apEt





logoEV