L’Archivio di Stato di Pesaro presenta "Scene da un manicomio"

L’Archivio di Stato di Pesaro presenta "Scene da un manicomio" 4' di lettura 07/10/2015 - Una serie di documenti, lettere, registri, tabelle conservati nell’Archivio di Stato di Pesaro, raccontano la storia di alienati, la loro provenienza, la divisione all’interno del San Benedetto secondo l’estrazione sociale, le ragioni legate al loro internamento.

“Quando venne progettato, nel 1824, all'indomani dell'esperienza napoleonica”, scrive Roberto Domenichini, “l'ospedale dei pazzi (o dei mentecatti) ha rappresentato un'autentica novità per Pesaro e la sua Provincia. L'idea, infatti, caldeggiata dal Delegato apostolico dell'epoca, monsignor Cappelletti, di riunire in un unico ospedale tutti malati di mente fino allora tenuti presso i vari Comuni in “orridi, fetentissimi ricettacoli”, a guisa di “feroci belve”, quasi non fossero esseri umani, l'idea -si diceva- venne approvata dal pontefice regnante. Scopo del Delegato e degli altri promotori era quello di offrire ai malati di mente un'assistenza e - almeno nelle loro intenzioni- anche cure adeguate. Sulla non validità dei mezzi terapeutici adottati a quel tempo molto è stato scritto, per non tacere pure dei mezzi di contenzione allora accolti e praticati per “calmare” i cosiddetti furiosi o pericolosi, mezzi che contrastano assai con la sensibilità dell'uomo comune moderno e con i sensibili, recenti progressi della psichiatria. Una mostra, che si apre con un “cammeo” del pittore Gualtiero Rossi, dove la testimonianza della Storia si fonde con il linguaggio dell’Arte a cominciare dalla fotografia di Lorenzo Amaduzzi e la fascinazione, che muove il suo fare, per l’ ”orrida bellezza” di scavi, rovine di una archeologia industriale, decomposizioni della materia, architetture in disfacimento da cui ricava una sorprendente armonia compositiva. Una inaspettata “estetica delle rovine. Con l’inedito ciclo Grumi di lacrime l’artista ci restituisce suggestioni e intense atmosfere della famosa istituzione psichiatrica pesarese, il suo sguardo si posa sulle macerie, sulle porte, divelte lasciate sul pavimento, sulle muffe delle pareti, su riccioli sottili di un intonaco umido che l’immagine dell’artista ci consegna come petali di un crisantemo disfatto, di lacrime e sospiri degli internati, tracce di antica bellezza da consegnare alla memoria.

I celebri scatti di Giovanni Marinelli, la passione per il bianco e nero, una identità che sarà l’abito del suo lavoro e la fotografia diviene linguaggio di contrasti che si nutrono di luce. Lo sguardo penetrante di un artista della fotografia che racconta in bianco e nero una Vita silente e il suo occhio si posa sugli angoli, sugli oggetti, una sedia, un frigorifero, dei pitali abbandonati dell’ex manicomio San Benedetto per rimandare al tempo dell’attività, fissare la memoria di un passato che ci appartiene. Immagini con il respiro e l’alone di una umana sofferenza che diventa tangibile nell’immobilità delle cose abbandonate, spazi dell’istituzione per gli infermi di mente fotografati all’alba degli anni 2000. Le grandi opere di Vincenzo Baldini in un reportage di volti dall’impatto dirompente; e le tele di Baldini saranno presenti al “Museo della follia” che nasce a Matera, poi a Mantova per Expo 2015 in una grande mostra d’arte che celebra la follia. Uomini e donne segnati dalla sofferenza, quelli che lui stessi chiama I Dimenticati, volti ricavati dai documenti del manicomio di San Servolo di Venezia cui Vincenzo affianca lettere, mai spedite, di altri malati internati nel manicomio di Volterra. In uno stile che lo accomuna a Bacon, a Schiele e resta personale. Quando i colori d’ombra avvolgono i suoi dipinti e il pittore fissa sulla tela uno sguardo lontano. E a raggiungerci sarà la dimensione, la sofferenza di un mondo che, magari, vorremmo celare ai nostri occhi.

Con il patrocinio di : Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo- del Consiglio regionale Assemblea legislativa regionale Marche - Comune di Pesaro e il sostegno di Banca Credito Cooperativo Gradara per il catalogo.

L’ARCHIVIO DI STATO DI PESARO PRESENTA SCENE DA UN MANICOMIO

Dai documenti dell’Ospedale San Benedetto al racconto visivo di: Lorenzo Amaduzzi, Giovanni Marinelli e Vincenzo Baldini

a cura di Cecilia Casadei e Roberto Domenichini Coordinamento Cinzia Ceccaroli e Sara Cambrini


Inaugurazione 11 Ottobre 2015 ore 17,30 Archivio di Stato Via Neviera n. 44 Pesaro (Palazzo Agenzia delle Entrate)

orari: dal lunedì a Venerdì ore 9,00-18,00, Sabato ore 9,00-13,00 fino all’11 Novembre 2015








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-10-2015 alle 05:57 sul giornale del 08 ottobre 2015 - 1823 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, archivio di stato di pesaro, archivio di stato, Scene da un manicomio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aoVa