Calcio: Vis Pesaro affonda, la Jesina da un calcio alla crisi

Jesina affronta la Vis Pesaro al Carotti 04/10/2015 - Netta vittoria della Jesina contro una Vis Pesaro inaspettatamente passiva e rassegnata, abbandonata clamorosamente dal proprio pubblico quando, a partita ancora in corso, ha ripiegato gli striscioni, uscendo subito dopo dal settore loro riservato.

 

Per la Jesina una importante boccata d’ossigeno, frutto di una prestazione convincente.

L’arrivo di Ragatzu ha già cambiato il volto all’attacco, ora spetterà ad Arati fare il resto, diventando, come è nelle sue potenzialità, il valore aggiunto di una squadra franata troppo presto in coda alla classifica.

La cronaca.

Al 4’ si fa vedere la Jesina: botta di Carnevali dal limite, Celato si distende e si salva mandando in corner.

Il primo pericolo la squadra di casa lo subisce al 12’, su contropiede. Bugaro trova l’angolazione giusta, ma Niosi con la punta delle dita, devia quel tanto che basta per far carambolare la palla sul palo sinistro.

La Jesina sblocca la partita al 14’: scambio stretto tra Cardinali e Trudo, quest’ultimo, circondato da avversari, controlla bene e trafigge Celato. E’ l’1-0!

La Vis Pesaro non ha neppure il tempo di rialzare la testa e provare a riaprire il match, perché 5’ dopo arriva il raddoppio della Jesina.

E’ il 19’, Ragatzu, lanciato da Trudo, supera Floris e arriva a tu per tu con Celato, che riesce miracolosamente a respingere, si avventa sulla sfera Cameruccio, ma ancora l’estremo difensore ospite si salva, di nuovo Cameruccio, tape-in vincente. Jesina sul 2-0!

La seconda parte di questa prima frazione di gioco è praticamente tutta di marca jesina, anche se la Vis ha quanto meno il merito di non subire passivamente la squadra di casa.

Ma i ragazzi di Pazzaglia denotano insicurezza e approssimazione, anche in situazioni di gioco apparentemente facili e scontate, è soprattutto il reparto arretrato a soffrire.

Al 22’ staffilata di Cardinali, respinta da Celato a pugni uniti, al 26’ Trudo semina difensori in area ospite, il portiere ospite si salva respingendo con i piedi.

Vis al tiro con Trovò al 28’, staffilata da trenta metri, alta.

Ci prova Carnevali, per la Jesina, al 36’ dal limite, la palla rimbalza davanti a Celato, che però respinge.

Al 42’ l’occasione migliore per gli ospiti, cross di Bugaro, pronta girata di Evacuo che però spedisce sul fondo.

Nella ripresa cambia poco o nulla: la Vis si ripresenta in campo con diversi minuti di vantaggio rispetto alla Jesina, quasi a voler anticipare chissà quale cambiamento di atteggiamento.

Al contrario non accade nulla. Riesce a essere pericolosa solamente in una occasione quando, al 10’ Niosi deve salvare d’istinto su Evacuo, per il resto è la Jesina a cercare la rete del 3-0.

Mentre tutti cercano di mettere Ragatzu in condizione di violare la porta ospite, è Alessandroni, al 39’, a violare di nuovo la rete difesa da Celato. E’ il 3-0 conclusivo.



JESINA-VIS PESARO 3-0

Jesina: Niosi, Sassaroli, Carnevali, Compagnucci, Tafani, Fatica, Frulla, Cardinali (27’ st Alessandroni), Trudo (20’ st Arati), Ragatzu, Cameruccio (41’ st Remedi). All.: Bugari.

Vis Pesaro: Celato, Floris, Fabbri, Forò (37’ st Brighi), Tombari, Labriola, Costantino, Rossoni, Evacuo (12’ st Iovannisci), Ridolfi (27’ st Canini), Bugaro. All.: Pazzaglia.

Arbitro: Pragliola di Terni.

Reti: 14’ pt Trudo, 19’ pt Cameruccio, 39’ st Alessandroni

Note: spettatori 500 circa – ammoniti, 10’ pt Ragatzu, 20’ pt Fatica, 31’ pt Sassaroli, 21’ st Trudo, 34’ st Floris, 37’ st Tafani,





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-10-2015 alle 22:47 sul giornale del 05 ottobre 2015 - 246 letture

In questo articolo si parla di sport

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aoPk