"Le Marche tra Leopardi e Rossini": lo spettacolo dell'Anci Marche ad Expo

2' di lettura 02/10/2015 - "Anci Marche chiuderà la sua permanenza all'Expo non prima di aver presentato al mondo Leopardi e Rossini". Con queste parole Romani Carancini, vice presidente di Anci Marche e delegato per Expo, ha introdotto la presentazione dell'iniziativa "Le Marche tra Leopardi e Rossini", spettacolo a cura del Macerata Opera Festival, che si terrà domenica 11 ottobre nel Padiglione Italia dell'Esposizione Universale Mondiale. Il format è quello che ha mietuto enorme successo lo scorso 6 agosto in scena allo Sferisterio.

"Il nostro obiettivo – ha aggiunto Carancini a proposito del progetto voluto dal Presidente Maurizio Mangialardi e dall'intero consiglio direttivo di Anci Marche – è suggellare il grande impegno di Anci nel diffondere le peculiarità culturali ed artistiche della nostra regione in un palcoscenico mondiale come Expo". "Leopardi e Rossini – ha concluso Carancini - sono due figure poliedriche e universalmente riconosciute nel mondo: alla loro arte affidiamo il messaggio di una regione intera.

Il progetto è realizzato in collaborazione con la Regione Marche, presente il consigliere regionale Fabio Urbinati, il Macerata Opera Festival e Tipicità.

"Grazie al lavoro fatto nei 6 mesi di Expo – ha detto il consigliere regionale Fabio Urbinati – la Regione Marche è riuscita a far uscire Leopardi e Rossini dai libri di scuola, rivalutandoli e valorizzandone l'opera e il pensiero".

Il progetto è curato da Francesco Micheli, Direttore Artistico Macerata Opera Festival. "L'idea è di unire la cultura alta del melodramma con le varie culture popolari ragionando su esperienze diverse da far vivere all'Expo" – ha detto Micheli. Lo spettacolo del quale saranno protagonisti l'attore Cesare Bocci, la mezzosoprano Chiara Amarù ed il pianista Lorenzo Di Bella, si terrà alle 17.10 ed in replica alle 18.10 per la durata di circa 45 minuti. Il progetto prevedeva anche la presenza della fisorchestra marchigiana e di numerose formazioni folkloristiche, ma l'organizzazione di Expo, vista la straordinaria affluenza di queste ultime settimane, ha ristretto i parametri di sicurezza e di ordine pubblico non ammettando formazioni troppo numerose. "Avremo meno artisti - ha concluso Micheli – ma la qualità dello spettacolo non risulterà compromesso".

Nella giornata del protagonismo dell'Anci comincia l'ultimo viaggio del Gran Tour delle Marche che durerà due settimane, con un'area di promozione destinata ai Comuni a Cascina Triulza. "Protagonista è la Marche EXPerience – ha detto il direttore Angelo Serri - raccontata attraverso le identità territoriali di 50 comuni. L'11 ottobre con questo grande evento esordiremo ma i sindaci saranno protagonisti anche lunedì 19 ottobre con un'iniziativa alla quale sono invitati tutti i sindaci sedi di tappa del Gran Tour, con personaggi del saper fare".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-10-2015 alle 15:18 sul giornale del 03 ottobre 2015 - 804 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Anci Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aoLE





logoEV