Pane basket e peperoncino: Vuelle a caccia si resurrezione contro Pistoia

La Vuelle entra in campo 3' di lettura 25/04/2015 - Vincere o morire. Arriva Pistoia all’Adriatic Arena, e per la Vuelle sarà questo l’imperativo categorico.

Perdere ancora in casa, dopo la disastrosa prestazione fornita davanti al proprio pubblico contro Cremona, vorrebbe dire infatti per la formazione biancorossa smarrire totalmente la propria identità di squadra, e far crollare di schianto le probabilità di salvezza che pure, qualche settimana fa, sembravano assai più alte per la band di coach Paolini.

Purtroppo, le cinque sconfitte consecutive incassate dopo l’impresa di Capo d’Orlando fanno pensare ad una Vuelle tornata quella dei momenti peggiori di questa difficile stagione, anche se la buona gara giocata dai biancorossi sul campo della Virtus Bologna, sicuramente da apprezzare nonostante la sconfitta finale, apre uno spiraglio importante alle speranze di una pronta resurrezione.

La sfida con Pistoia è quindi per i biancorossi un’occasione assolutamente imperdibile per rialzare la testa ed imboccare finalmente la strada giusta verso l’obiettivo salvezza, senza essere costretti a giocarsi il tutto per tutto nello spareggio dell’ultima giornata contro Caserta, specie se verrà accolto, il prossimo 5 maggio, il ricorso dei casertani per l’annullamento del punto di penalizzazione.

La squadra di coach Moretti sta attraversando indubbiamente un buon momento di forma, ed è reduce da una bella affermazione contro Reggio Emilia, che l’ha riportata in quella zona play-off che sembrava ormai lontana dopo le due sconfitte subìte ad Avellino e a Brindisi. A trascinare alla vittoria i toscani sono state le ottime prove del forward Milbourne (19 punti segnati, con 2/2 da tre punti, in appena 20 minuti sul parquet) e del centro Amoroso, che ha realizzato 15 punti catturando anche 7 rimbalzi. Non è sceso in campo, invece, Daniele Cinciarini: che abbia voluto risparmiare le forze in vista della sfida nella “sua” Pesaro?

L’arma più efficace di Pistoia rimane comunque la buonissima organizzazione del collettivo, con giochi di squadra molto abilmente diretti dal playmaker Langston Hall (3° del campionato per assists distribuiti) e ben interpretati da tutto il roster. Una difesa molto mobile ed reattiva in ogni zona del campo ed anche le buone medie nel tiro pesante (un brillante 55% contro Reggio Emilia) completano l’identikit dei prossimi avversari della Vuelle, contro i quali sarà sicuramente molto dura per i nostri strappare l’importantissima vittoria, anche se sostenuti da un tifo incandescente.

Gli spalti dell’Adriatic Arena gremiti di pubblico: è quello che la società biancorossa si è ripromessa di ottenere con l’iniziativa del biglietto unico da 10 euro, ben consapevole del fatto che il caloroso sostegno del pubblico a questa squadra alla ricerca di una vittoria di vitale importanza potrebbe rivelarsi fondamentale per aiutare i biancorossi a dare il meglio di sé quanto a carica agonistica e saldezza mentale. E, specie per soggetti assai difficili da gestire sotto l’aspetto psicologico come Ross e Myles, sentirsi circondati da una tifoseria numerosa ed appassionata come poche altre in Italia potrà essere la miglior motivazione per firmare una prestazione d’alto livello.

Tutta Pesarobasket dovrà stringersi quindi attorno alla sua Vuelle domani sera. E vincere sarà come toccare il cielo con un dito.






Questo è un articolo pubblicato il 25-04-2015 alle 09:55 sul giornale del 26 aprile 2015 - 1639 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, vivere pesaro, sport pesaro, Alberto Pisani, pane basket e peperoncino, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiz1

Leggi gli altri articoli della rubrica Pane, basket e....peperoncino